Ona sferla de s (Paolo Sambo)          

 

Testo originale Traduzione letterale 

Ona sferla de s

In la lus dra
d'ona sferla de s
travers i gelosii
de la finestra,
gh', spiscinii,
el cas de l'univers.
Gh' la polver di stell,
srarida fin a sfreguiass
in d'ona moltitudin
de pontitt lusent,
lugher d'ona fiammada
che giren, vann e vegnen,
se pizzen e se smrzen.
E gh', faa d'aria
che la par lustrada,
el polverin
d'on mond in moviment
che'l derva in del penser
ona realt fantastica.
Gh' el primm salut
del d che ven
per i fantasma, i ultim,
de l'altrer.
E forsi, annim,
in d'on serc d'ombria,
senza f mostra de savell,
l dent,
anim in pena che semm nun,
fregui de nient
in d'on barlum de s.

Uno squarcio di sole

 

Nella luce doro

di uno squarcio di sole

attraverso le gelosie

della finestra,

c, in piccolo,

il caos delluniverso.

C la polvere di stelle,

diradata fino a sbriciolarsi

in una moltitudine

di puntini lucenti.

Faville di una fiammata

che girano, vanno e vengono,

si accendono e si spengono.

E c, fatta daria

che sembra lucidata,

la polverina

di un mondo in movimento

che apre nella mente

una fantastica realt.

C il primo saluto

del giorno che viene

per i fantasmi, gli ultimi,

quelli dellaltro ieri.

E forse, anonime,

in un cerchio dombra,

fingendo di non sapere,

l dentro,

anime in pena che siamo noi,

briciole di niente

in un barlume di sole.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)