El barchett de Boffalora (Piera Bottini Santinoli)

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

El barchett de Boffalora

 

Hinn tucc pront al navili paves,
hinn tucc pront con scartozz e cavagn,
el barchett " Boffalora, Gaggian
" L' in partenza... di, sciori... che'l va.

 

E sora l'acqua torbida e quietta
el scarliga in cerca di praa.

 

El saluden festos i tosann
In genoeugg, coi vesigh sora i man
lor spazzetten fadigh de la vita
che se perd dent in l'acqua in rian.

 

Tcch de ciel, campanitt rivoltaa,
casett bass, cont i mur descrostaa,
scur ombrii, sbroff de lus come lam
sott' i pont da Milan a Gaggian.

 

Mes'ciaa insemma on quei bott de campann
da i osterii ven di vos agitaa.

 

Mett gi l'ass...cavigion...maramann!
Su de rigol... l'e curta... Giovann !

 

Poeu l in fond se profila i cassin
con filer de pobbiett bei slanzaa,
la mia c doe gi fuma el camin
con la sposa taccaa 'l fogoraa.

 

Dedree i spall, m te lassi Milan...
Ma per pcch... perch torni doman!

 

Il battello di Boffalora

 

Sono tutti pronti sul Naviglio Pavese,

sono tutti pronti con cartocci e ceste,

il battello "Boffalora, Gaggiano"

in partenza... forza, signori... che parte.

 

E sull'acqua torbida e quieta

scivola in cerca di prati.

 

Lo salutano festose le ragazze

in ginocchio, con le vesciche sulle mani

esse spazzolano le fatiche della vita

che si perdono in rivoli nell'acqua.

 

Pezzi di cielo, campanili capovolti,

casette basse, con i muri scrostati,

ombre scure, sprazzi di luce come lame

sotto i ponti da Milano a Gaggiano.

 

Mescolati a qualche rintocco di campana

dalle osterie giungono voci agitate.

 

Gioca l'asso... fortunello... imbroglione!

Boccia... corta... Giovanni!

 

Poi l in fondo si profilano le cascine

con filari di pioppi ben slanciati,

la mia casa dove gi fuma il camino

con la sposa presso il focolare.

 

Dietro le spalle, io ti lascio Milano...

Ma per poco... perch torno domani!

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)