El Don Felis (Giannina Pizzamiglio)                   

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

El Don Felis (riflession d'on Prt)

 

L'era in su l'uss de la sagrestia
- che gi el se preparava a travers,-
quand ona vs dedent la ghe besa:
"Va in gesa, Don Felis, a confess!"

 

Ma el Prt el pensa: questa confession,
sta gent che la me biassa i s peccaa,
cossa la dev port, in conclusion,
forsi a salvai per minga vess dannaa?

 

El sar insc...'l diseven anca a m
e m gh'el disi ai alter...persuas
e in l'istess temp onest...Chi no'l me disa
che sien anca lor in del m cas?

 

L' vera! Nun medegom con la Fed,
che poeu gh'hann minga, e quest in fond in fond,
come che 'l dis quell tal che a nient el cred,
l' on moeud che 'l p ciamass imbrojamond!

 

Ma Santo Dio! Cossa dovariom f?..
Tanti robb poden vess puranca vera.
ma infin, cossa sariom ch poeu a d?
E l'onor? La coscienza? 'Na chimera?

 

Quij tai che ragionen de zavai,
ne fann de cott, de crud, de tutt'i sort,
poeu vegnen in de nun quand oramai
ghe manca pocch per incontr la mort.

 

Oh, pri nun, 'se gh'emm de soport!
Miracoi cont i Sant n'emm faa e ne vanza,
emm tampinaa l'Eterno ch e l
ma quand l' tropp...'se vr la perdonanza?

 

M, quasi, torni indree a f on sognett...
"Ehi, Don Felis, la gent de l l' tanta!"
"Oh, scior Curaa, sont ch, che 'l staga quiett..."
e svelt el poccia el did in l'Acquasanta.

 

april,1988 

 

Don Felice (riflessioni di un prete)

 

Era sulla porta della sacrestia

- che gi si apprestava ad attraversare, -

quando una voce dentro gli insinua:

"Va in chiesa, don Felice, a confessare!"

 

Ma il prete pensa: questa confessione,

questa gente che mi sussurra i suoi peccati,

a cosa deve portare, in conclusione,

forse a salvarli perch non siano dannati?

 

Sar cos...lo dicevano anche a me

e io lo dico agli altri... persuaso

e al tempo stesso onesto... Chi mi dice

che non siano anch'essi nel mio dubbio?

 

vero! Noi rimediamo con la Fede,

che poi non hanno, e questo in fondo in fondo,

come dice quel tale che a nulla crede,

un modo che pu definirsi gabbamondo!

 

Ma Santo Dio! Cosa dovremmo fare?...

Tante cose possono essere pur vere.

Ma infine, cosa saremmo qui poi a dare?

E l'onore? La coscienza? Una chimera?

 

Quei tali che ragionano da scioperati

ne fanno di cotte, di crude, di ogni sorta,

poi vengono da noi quando ormai

manca loro poco ad incontrare la morte.

 

Oh, poveri noi, cosa dobbiamo sopportare!

Miracoli con i Santi ne abbiamo fatti sin troppi,

abbiamo importunato l'Eterno qua e l

ma quando troppo... che cosa vale il perdono?

 

Io, quasi, ritorno a fare un sonnellino...

"Ehi, don Felice, la gente di l molta!"

"Oh, signor Curato, sono qui, stia quieto..."

e veloce intinge il dito nell'acquasanta.

 

 aprile,1988 

Commento

(A t, poesia: L' no facil convinces che on Prt, con ferma vocazion, el gh'abbia de sti dubbi, perch in l dovara vess pussee forta la caritaa, ma l' anca vera che p capit a tutti 'na giornada inversa...)

( A te, poesia: Non facile convincersi che un prete, con ferma vocazione, abbia di questi dubbi, perch in lui dovrebbe essere pi forte la carit,ma anche vero che possa capitare a tutti una giornata storta....)

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)