El nost teater (Giannina Pizzamiglio)      

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

El nost teater

 

Bicentenari! Duu secol de vitta!
Parolla grandiosa al noster Teater
per quij che hann sognaa
'sto miracol de gloria.

 

Milan l' la toa cunna,
el mond l' la toa storia...
madrinna in del batezim
'na gran dama famosa.

 

Meneghitt i t gent,
hann curaa i t primm pass...
la Madonnina lusenta desora per tucc,
de l in Alt a vardat.

 

Sii nassuu squas insemma
sotta el ciel de Milan
e in quel temp favolos
- su la fin del Settcent -
emm sentuu la toa vs.

 

L'era el temp di daminn,
di perucch, di socch longh,
di carozz "tir-a-quatter"...
oh, cara el nost bell Teater!

 

Dignitaa contegnuda,
scpellad piegaa in duu
- nobiltaa, gi se sa...
temp passaa, temp che va...-

 

"La Prima"... "La Prima"...
natural - Gran Serada!
L dedree del sipari
l' staa tutt on impegn:
artistonni...omm de inggn...la bacchetta sicura.

 

"Foeura!...Foeura!..."(on'ondada de vs)

 

'na fioridura al dervis del bell scenari!

 

Dal loggion, dai fil di palch,
'me s'cioppass ona mattanna,
tutt'insemma a la platea
battiman finna a spelass...

 

Desott'al portegh
gh' restaa el silenzi...
tanti coeur in su la piazza
de cornis fann ai land,
land che spetten e hinn bardaa de festa,
spetten... ma finna a quand?
La voeunna?...I d?...
Mah. . .

 

... e ch me fermi.
Quell che hoo ditt
l'hann giam ditt
- storia che parla,
p nissun scancella -

 

passi donca in del m temp,
temp de gioventuu, intes, la mia.

 

Regordi, e quest l' cert
regord che passen via,
in rimma o minga in rimma,
l' semper poesia.

 

And a la Scala l'era
- e l' - on aveniment:
el lusso... lassemm perd,
la moda l' passada,
ma quell che passa no
l' quell che se sent dent.

 

M seri ona tosetta
e cont 'l m Pap
- segond el Cartellon -
nun serom semper l,
l in alt, el nost loggion,
sincera la passion!

 

Poeu, la guerra.! Rivaa i bomb
ch'hann faa quell che semm tucc:
disaster su disaster...
ma i noster Meneghitt
coi manegh voltaa indree
- quadrell sora quadrell -
t'hann miss in pee, oh Teater
in ghinghera 'me primma
- finezz, no gh' paroll!...

 

E torni anm al m post,
l in alt, par che 'l me spetta...
cont i oeucc che s'impienissen
de gioia e de dolcezza,
la sensazion l' semper
de viv on alter mond...

 

Coi brasc sul poggiorin
- denanz el lampedari -
l'orchestra l gi in fond...
...sospir d'on bell preludi
d'archett pontaa in del voeui,
se smorzen tutt'i ls,
me incanti...
intant, sottvs te disi:

"Andemm, oh nost Teater
sul terz t Centenari!"

in de l'ann 1978

 

Il nostro teatro

 

Bicentenario! Due secoli di vita!

Parola grandiosa al il nostro Teatro

per coloro che hanno sognato

questo miracolo di gloria.

 

Milano la tua culla,

il mondo la tua storia...

madrina del battesimo

una gran dama famosa.

 

Meneghina la tua gente,

ha curato i tuoi primi passi...

la Madonnina lucente sopra per  tutti,

l in alto a guardarti.

 

Siete nati quasi insieme

sotto al cielo di Milano

e in quel tempo favoloso

- verso la fine del settecento

abbiamo sentito la tua voce.

 

Era il tempo delle damine,

delle parrucche, delle gonne lunghe,

delle carrozze tiro a quattro...

oh, caro il nostro bel Teatro!

 

Dignit contenuta,

levate di cappelli piegati in due

- nobilt, gi si sa...

tempo passato, tempo che va...-

 

La Prima... La Prima...

naturale Gran Serata!

L dietro il sipario

stato tutto un impegno:

grandi artisti... uomini di ingegno...la bacchetta sicura.

 

Fuori!...Fuori! (un'ondata di voci)

 

una fioritura allaprirsi della bella scena!

 

Dal loggione, dalle file dei palchi,

come se scoppiasse una mattana,

tutti insieme alla platea

battimani sino a spellarsele...

 

Sotto al portico

rimasto il silenzio...

tanti cuori sulla piazza

fanno da cornice ai land,

land che aspettano e sono bardati a festa,

aspettano... ma fino a quando?

La una?... Le due?...

Mah...

 

... e qui mi fermo.

Ci che ho detto

lhanno gi detto

- storia che parla,

pi nessuno cancella

 

passo dunque nel mio tempo,

tempo di giovent, intendo, la mia.

 

Ricordo, e questo certo,

ricordi che passano via,

in rima o non in rima,

son sempre poesia.

 

Andare alla Scala era

- ed un avvenimento:

il lusso... lasciamo perdere,

la moda passata,

ma ci che non passa

quello che si sente dentro.

 

Io ero una bambina

e con mio pap

- secondo il cartellone

noi eravamo sempre l,

l in alto, il nostro loggione,

sincera la passione!

 

Poi, la guerra! Sono arrivate le bombe

che hanno fatto quello che sappiamo tutti:

disastri su disastri...

ma i nostri meneghini

con le maniche rivoltate

- mattone sopra mattone

ti hanno rimesso in piedi, oh Teatro

in bella mostra come prima

- finezze non ci sono parole!

 

E torno ancora al mio posto,

l in alto, sembra che mi aspetti...

con gli occhi che si riempiono

di gioia e di dolcezza,

la sensazione sempre

di vivere in un altro mondo...

 

Con le braccia sulla balaustra

- davanti il lampadario

lorchestra laggi in fondo...

... sospiro di un bel preludio

di archetti sospesi nel vuoto,

si spengono tutte le luci,

mi incanto...

intanto, sotto voce ti dico:

 

Andiamo, oh nostro Teatro

verso il tuo terzo  Centenario!

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)