El vicol di lavandee (Giannina Pizzamiglio)               

 

Testo originale Traduzione

 

El vicol di lavandee (musicata dal M Pinotti)

(nata in un breve viaggio del 1978 su un pezzetto di cartaha vinto lArca canora di Radio Meneghina ed stata cantata dalla bella voce di Livio Petrali, poi dalla Teresa della Martesana e da tanti altri)

 

La Darsena e i barcon desoravia

el Navili el se dislengua dentri c

in alt el campanin de Santa Maria

el dis al coeur content : Te see rivaa !

 

L l cheel nst Milan lha conservaa

la polver del s; temp semper pussee

Finester, ringherettona filera

su on vicol che l quell di lavandee.

 

In del vicol di lavandee

el Navili el fa la gibigianna

sora i s prej sguraa

coi genoeucc e i socchett tutt bagnaa

 

Stta el s pontesell

la corrent la se ferma a fiad

per ninn sto canton tanto bell

e la medega sti prej consumaa.

 

Quej che sta l de c e quej che passa

el coo scorlissen, ma perden n lumor

per tutt sto moviment che se deslassa

de forestee, de quader, de pittor

 

Coi ann e con la gent che gh passaa

parland de meneghin col cur in man

 lassen che vegnen

se ghhann de pittur el nst vecc Milan.

 

In del vicol di lavandee

el Navili el fa la gibigianna

sora i s prej sguraa

coi genoeucc e i socchett tutt bagnaa

 

Stta el s pontesell

la corrent la se ferma a fiad

per ninn sto canton tanto bell

e la medega sti prej consumaa

 

Stta el s pontesell

la corrent la se ferma a fiad

per ninn sto canton tanto bell

e la medega sti prej consumaa

 

 

Commento

Il Vicolo privato dei lavandai, sul Naviglio Grande, che in origine si chiamava Vicol di  bugandee (da bugada=bucato) viene citato in un documento che risale al 1560 a proposito di una vendita di terreni sui quali sorger una casa padronale la cui entrata era nel luogo chiamato Rizzolino, fossetto che scorre lungo il Vicolo. Si chiama "dei lavandai" perch il mestiere in origine era esercitato dagli uomini. Dall'inizio del '700 il vicolo fu abitato dalle famiglie dei bugandee. I panni lavati venivano stesi sulla grande distesa di prati allora esistenti, un grande forno a legna serviva per scaldare l'acqua che veniva poi venduta a secchi. C'era poi la bilancina che pesava il "paltone" (specie di residuo di sapone a basso costo). Le lavandaie lavavano chine sul "brellin" (inginocchiatoio), con accanto la "scorba" (borsa), il "cavagnin" (cestello) e "el seggion" (secchio pieno di panni)

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)