In Dmm!...Sett r pcch in l  (Giannina Pizzamiglio)    

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

In Dmm! ...Sett r o pcch in l

 

Che ps in sul sagraa del Dmm,
che ps instamattinna...
Quij basei longh che intorna
te fann de pedestall, oh Dmm
hinn voeui,
nissun an'm che truscia
nissun se da de f.

 

Me fermi e vardi in s
al poggiorin de sass a colonnett
sora el porton de bronz,
quell pussee grand:
- 'me l'ha vorsuu Gian Galeazz Viscont

 de sescent ann st scritt

 

"MARIAE NASCENTI"

 

tra on vol de puvionitt.

 

Che bell geson!
...E me trattegni el fiaa per totoramm dedent
el gust de 'sto silenzi
che 'l sleggeriss i ann
e fa torn la'voeuja
de dill a pienna vs.

 

Che pas me allora!
On ragg de s 'l te inlumina de fianch
e rampeghen i gulij a tocc el ciel...
chiss... chiss...
- e la domanda la me prmm -
chiss quanti anim in di t ann
hann daa tutt el s bon!...

 

De cert i galantmm vestii de ingegn
ch'hann scernii el t progett maravejos,
i magutt, cont i man geners
tcch sora tcch e inanz in de l'impegn
e i dnn de coeur e coi fadigh
ch'hann guarnii j altar con milla pizz...
ripsen? Indoe rquien?
Oh Dmm, doe t'j hee logaa?

 

L in alt, sui gulij, insemma ai Sant
e gnidun con la soa stria?..
e gnidun con la soa ps?..
Lor l'hann veduu per primm el gran miracol:
su la guglia pussee alta
se poggiava la Madnna,
s, la nostra Madonninna, oh Dmm
con l'eterno S soris!

 

. . . . . . . . . . . .

 

Scrizza legger el portonsin de legn...
sul scss de l'Acquasanta
foo el segn de crs,
i pass vers la navada
se moeuven deperlor... In la penombra quietta
'na vesta bianca in fond
la benediss:
"Ite! Missa est!"

 

. . . . . . . . . . . .

 

De foeura,
sul poggiorin de sass a colonnett
i puvionitt concerten la giornada...
On rsc de gent foresta,
el primm che riva in quella,
hinn giappones, con tant de "cinepresa"...

 

Oh Dmm, l' ora!
Te metten giam in psa!...

 

. . . . . . . . . . . .

 

Sett r de la mattinna o pcch in l
ma...pcch in l,
che ps in sul sagraa!

 

magg, 1986

"ex-equo" poesie finaliste - 1lustro Premio Poesia
"La Maschera d'Oro" alla memoria di Giovanni Luzzi.
Circolo Culturale "Il Cenisio" nel Salone d'onore
dell'Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi
di Guerra, Milano, 14 giugno 1986.

 

In Duomo!... Alle sette o poco pi

 

Che pace sul sagrato del Duomo,

che pace stamattina

Quei gradini lunghi che intorno

ti fanno da piedestallo, oh Duomo

sono vuoti,

nessuno ancora che si traffica

nessuno si d da fare.

 

 Mi fermo e guardo in su

al balconcino di sassi a colonnette

sopra il portone di bronzo,

quello pi grande:

- come lha voluto Gian Galeazzo Visconti

da seicento anni sta scritto

 

 MARIAE NASCENTI

 

 tra un volo di piccioncini.

 

 Che bella chiesona!

E trattengo il fiato per assaporare dentro

il gusto di questo silenzio

che alleggerisce gli anni

e fa tornare la voglia

di dirlo a piena voce.

 

Che pace come allora!

Un raggio di sole ti illumina di fianco

e si arrampicano le guglie a toccare il cielo

chiss chiss

- e la domanda mi preme

chiss quante anime nei tuoi anni

hanno dato tutto il loro buono!...

 

Certamente i galantuomini vestiti dingegno

che hanno scelto il tuo progetto meraviglioso,

i muratori, con le loro mani generose

pezzo su pezzo e avanti nellimpegno

 e le donne di cuore e con le fatiche

che hanno ornato gli altari con mille pizzi

riposano? Dove riposano?

Oh Duomo, dove li hai sepolti?

 

L in alto, sulle guglie, assieme ai Santi

ed ognuno con la propria storia?...

e ognuno con la propria pace?...

Essi hanno visto per primi il gran miracolo:

sulla guglia pi alta

si appoggiava la Madonna,

s, la nostra Madonnina, oh Duomo

con leterno Suo sorriso!

 

. . . . . . . . . . . .

 

Scricchiola leggero il portoncino di legno

sulla soglia dellAcquasanta

faccio il segno della croce,

i passi verso la navata

si muovono da soli nella penombra quieta

una veste bianca in fondo

benedice:

Ite! Missa est!

 

. . . . . . . . . . . .

 

Fuori,

sul balconcino di sassi a colonnette

i piccioncini concertano la giornata

Un gruppo di gente straniera,

il primo che arriva in quel momento,

sono giapponesi, con tanto di cinepresa

 

Oh Duomo, ora!

Ti mettono gi in posa!...

 

. . . . . . . . . . . .

 

Le sette del mattino o poco pi

Ma dopo poco,

che pace sul sagrato!

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)