Invocazion (Alfredo Ponti)                                        

 

Testo originale Traduzione

 

Invocazion

 

Travers i frasch che scavezzava el vent

t'hoo veduu, oh s˘, saettÓ la gibigianna

di t˛ lusnad foghent.

E sbottiven  s'ciopponi  de sbirr  viv

in mezz al ciel e su l'argent di oliv.

 

T'hoo veduu e t'hoo sentii a piccÓ violent

sui marmi de l'Acropoli e di F˛ri.

Passava via, a moment,

on ventesell odoros de salin,

de cipress, d'erba secca e d'usmarin.

 

Sora i pascol di renn, desolaa e trist,

giÓ bass a l'orizzont, sm˛rt e infreggii,

a mezzan˛tt t'hoo vist

tirÓ lÓ stracch, oh pover s˘ malaa,

'me on fantasma de quell che tramontaa

 

l'era p˛cch or innanz, superb, glorios,

in porpora e maestaa, di Dolomiti

sui bricch  vertiginos,

menter in ciel passaven sgarr  de usej

e i fanfar del "coucher du Roi Soleil".

 

T'hoo v╠st sperlusciÓ  alegher la criniera

bionda ai cavaj su l'onda del gal˛pp,

lusý su la Bandera,

e fa lampant i sciabol e i lotton

T'hoo veduu mett in pas, pazient e bon,

 

con la soa vita grama quel veggett

scrusciaa gi˛, on dý d'inverna, arent al mur.

Esuss! L'era on muccett

stremii d'˛ss menudritt  e de pagn lis.

T'hee faa prest a scaldall. L¨ el t'ha sorris.

 

Oh s˘, d˛po ona n˛tt a on capezzal

(tach, la gotta de plasma ogni second

e l' odor d' ospedal),

che slargada de coeur, quand in la stanza

insŔma a tý hinn tornaa lus e speranza!

 

Speranza e lus e vita de sto mond,

tý a s˛ temp te dissedet  la somenza

sconduda in del profond,

perchŔ, quand tornarÓ la primavera

coi s˛ promess, ognun a soa manera,

 

tutti i fior, tutti i erb sien lÓ rident

sora i proeus,  adree ai f˛ss e dent i crep

di mur vecc, e el forment

e la vid ricomincen de lontan

del vin l'˛pera antiga e del bon pan.

 

Quand a fin de giornada te vee s˛tt

e in ciel tarda a pizzass  la luminaria

di stelI lusent de n˛tt,

in st' ora inquieta e trista, mý di v˛lt

pensi a quij gent del Nilo, che i s˛ Mort

 

vedeven a partý vers l'Occident

su ona barca parada in pompardina

per navigÓ in del vent,

vegnend dree a tý, vers el s˛ mond de pas.

In sti moment, fantasticÓ me pias.

 

Ma n˛ de quell viagg: l'Ŕ n˛ important,

perchŔ, quand sia vegnuda la mia sera,

credi che in d' on istant

me troeuvaroo in del loeugh de rend reson

e cunt di mŔ talent e di mŔ azion.

 

Oh s˘, me pias pensÓ a la fin d'on dý

stÓ  cald del t˛ calor e a on ciel seren.

Voraria  anca de tý

toeu conged al tramont e vess in pas

con mý e cont i alter, dent al coeur persuas.

 

Oh s˘, podee guardatt quand te se lasset

fissÓ senza fÓ mal ai n˛ster oeucc

e intant che te se sbasset

pian pian, de tý bev s¨ l'ultima lus,

rossa 'me sangu in on gran ciel d'˛r fus.

 

Invocazione

 

Attraverso le frasche che il vento scompigliava

ti ho visto, sole, far balenare il riverbero

dei tuoi raggi infuocati

e sprizzavano scoppi di faville vive

in mezzo al cielo e sullĺargento degli ulivi.

 

Ti ho visto e ti ho sentito picchiare violentemente

sui marmi dellĺAcropoli e dei Fori.

Passava, a tratti,

un venticello odoroso di salino,

di cipressi, di erba secca e di rosmarino.

 

Sopra i pascoli di renne, desolato e triste,

giÓ basso allĺorizzonte, pallido e infreddolito,

a mezzanotte ti ho visto

trascinarti stanco, povero sole malato,

come un fantasma di quello che era tramontato

 

poche ore innanzi, superbo, glorioso,

in porpora e maestÓ, dietro le Dolomiti

sui dirupi vertiginosi,

mentre in cielo si udivano trilli di uccelli

e le fanfare del ôcoucher du Roi Soleilö.

 

Ti ho visto arruffare allegro la criniera

bionda ai cavalli sullĺonda del galoppo,

risplendere sulla Bandiera,

e rendere lucenti le sciabole e gli ottoni.

Ti ho visto mettere in pace, paziente e buono,

 

con la sua vita grama quel vecchietto

rannicchiato, un giorno dĺinverno, accanto al muro.

Ges¨! Era un mucchietto

spaventato di ossa minuscole e di panni consunti.

Hai fatto presto a scaldarlo. Lui ti ha sorriso.

 

Oh sole, dopo una notte a un capezzale

(tach, la goccia di plasma ogni secondo

e lĺodore di ospedale),

che sollievo al cuore, quando nella stanza

insieme a te sono tornati luce e speranza!

 

Speranza e luce e vita di questo mondo,

tu a suo tempo risvegli i semi

nascosti nel profondo,

perchÚ, quando tornerÓ la primavera

con le sue promesse, ognuno a suo modo,

 

tutti i fiori, tutte le erbe siano lÓ ridenti

sopra le aiuole, lungo i fossi e dentro le crepe

dei muri vecchi, e il frumento

e la vite ricominciano da lontano

lĺopera antica del vino e del buon pane.

 

Quando a fine giornata tramonti

e in cielo tarda ad accendersi la luminaria

di stelle lucenti della notte,

in questĺora inquieta e triste, io a volte

penso a quelle genti del Nilo, che i propri morti

 

vedevano partire verso Occidente

su una barca parata in pompa magna

per navigare nel vento,

seguendoti, verso il loro mondo di pace.

In questi momenti, fantasticare mi piace.

 

Mo non di quel viaggio: non Ŕ importante,

perchÚ, quando sarÓ venuta la mia sera,

credo che in un istante

mi trover˛ nel luogo dove rendere ragione

e conto dei miei talenti e delle mie azioni.

 

Oh sole, mi piace pensare alla fine della giornata

di essere scaldato dal tuo calore sotto un cielo sereno.

Vorrei anche da te

prendere congedo al tramonto ed essere in pace

con me e con gli altri, col cuore tranquillo.

 

Oh sole, poterti guardare quando ti lasci

fissare senza far male ai nostri occhi

e mentre ti abbassi

pian piano, bere di te lĺultima luce,

rossa come sangue in un gran cielo dĺoro fuso.

Commento

 

Invia i t˛ penser, i t˛ emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)