El dialett milanes (Mirella Porta) 

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

El dialett milanes

 

 Mi son nassuda a Porta Romana,
poeu semm andaa a st de c a San Luis,
e l, in di praa de la Via Calabiana,
giugavi semper coi masc, i m amis.

 

Lor, i m gent, parlaven el dialett,
robba, chissa perch, a nun vietada:
dato che serom di tosanett,
insc dovevom veggh naltra parlada

 

E anca a vint ann, quand m me son sposada,
dato chel m mar l era on toscano,
coi vocaj strett, la c aspirada,
parlavi semper dom in italiano.

 

Quand semm vegnuu de c a la Baronna,
in sul Navili, Porta Ticines,
seri davvera propi minga bonna,
de dilla, na parolla in milanes!

 

El me piaseva sto bel dialett,
ma in di negozzi e poeu anca in sul tramm,
quell che 'l va in piazza, tutt pien de falchett,
tutti terroni, cont el s italian.

 

Ma poeu hoo trovaa on cantonin de citt,
l Canottieri Milano el s nomm,
e tanti amis, quasi tucc pensionaa
che parlen tucc el dialett del m domm.

 

E finalment m te senti ancam,
musica dolza, insc dolza ai m orecc,
che te me parlet don temp che l andaa,
quand la sentivi parl d m vecc,

 

perch in sto post, col dialett de Milan,
tucc quej di bocc, de la scopa, del duu
lor mhann offert tucc insema ona man,
perfina el Reina, che adess el gh p

 

Il dialetto milanese

 

Sono nata a Porta Romana,

poi siamo andati ad abitare a San Luigi,

e l, nei prati di via Calabiana,

giocavo sempre con i maschi, i miei amici.

 

Loro, i miei genitori, parlavano il dialetto,

cosa, chiss perch, a noi vietata:

dato che eravamo ragazzine,

cos dovevamo avere un altro linguaggio.

 

E anche a ventanni, quando mi sono sposata,

dato che mio marito era un toscano,

con le vocali strette, la "c" aspirata,

parlavo sempre solo in italiano.

 

Quando siamo venuti ad abitare alla Barona,

sul Naviglio, Porta Ticinese,

non ero davvero capace,

di dire una parola in milanese!

 

Mi piaceva questo bel dialetto,

ma nei negozi e anche sul tram,

quello che va in piazza, era tutto pieno di provinciali,

tutti meridionali, con il loro italiano.

 

Ma poi ho trovato un angolino di citt,

Canottieri Milano il suo nome,

e tanti amici, quasi tutti pensionati

che parlano tutti il dialetto del mio duomo.

 

E finalmente io ti sento ancora,

musica dolce, cos dolce alle mie orecchie,

che mi parli di un tempo che andato,

quando la sentivo parlare dai miei vecchi,

 

perch in questo posto, con il dialetto di Milano,

tutti quelli delle bocce, della "scopa", del "due"

mi hanno teso tutti una mano,

persino il Reina, che adesso non c' pi.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)