Lettera di Carlo Porta dall'aldil (Giovanni Pozza, dal Guerin Meschino)                                                                         

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Car el m car Guern!
Te scrivi sto beliett dal paradis,
dove vegnuu on amis
a dam di noeuv de t e de Meneghin;
e l'ha portaa, intrattant,
on pacchet de gionai per el Manzon,
e on liber, sanguanon,
che a st'ora el san a ment squas tutt i sant!
Ghoo daa on'oggiada anm,
pussee per ozzi che per volonta,
perch, se te savesset, anca ch,
che eternita l' mai l'eternita!
.....
Sentend d che al Manzon
gh'aveven piantaa in piazza un monument,
me s'eri miss in ment
de profit anca mi de l'occasion,
e mand gi on discors,
o specie de ricors,
per fagh faa San Michee
alla mia statoa, tant che la podess
avgh al succ i pee...
Ma odss, odss, odss!
Alter che vegni via de la sciattra!
Alter che cambi c!
Quell liber marcadett
el m'ha ditt ciar e nett,
de st l e no fiad,
rengraziand el Signor d'ess no in galera!
Ah! don Ceser Cant,
se no 'l fudess sta l,
che berla avria mai faa!
.....
Vuj che tucc i libree
no stampen di m vers ona edizion,
se no ghan fiss, almen,
come contra velen,
quel che l'ha ditt de m, per prefazion!
.....
Ghe cedi el monument;
la statoa mia de m la cedi a l,
Sur don Ceser Cant,
perch poda passagh el gran magon,
e nol creppa de bila,
cressend, insc, la fila
di sant in paradis rompa-cojon.
.....
E mi, s'ciao, se in del sass
i milanes poderaven p guardamm,
podarann ricordamm
senza ch'abbien, per quest, de vergognass!

* la statua del Porta a Milano si trova ai Giardini Pubblici.

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)