Notturno (Giosafatte Rotondi)      

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Notturno

 

O strani, quij ricamm
-contra la luna piena -
in della ntt serena,
di milla e milla ramm!

 

Strani, quij siloett
di piant, contra la luna!
Je cunti, vuna a vuna;
negher, stratajaa, nett.

 

So no: ma m me par
de vess foeura del mond:
lontan, doe se sconfond
e ciel, e sogn, e mar...

 

E pensi... So no d
a cossa pensi: voo,
senza penser in coo;
insc, m de per m'.

 

Notturno

 

Oh strani, quei ricami

-contro la luna piena-

nella notte serena,

di mille e mille rami!

 

Strane, quelle sagome

dalberi, contro la luna!

Le conto una ad una;

nere, frastagliate, nette.

 

Non so: ma mi sembra

di essere fuori dal mondo:

lontano, dove si confondono

e cielo, e sogni e mare

 

E penso Non so dire

a cosa penso: vado,

senza pensieri in testa;

cos, io da solo.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)