La ballada del pover Tofin (Evelina Sironi) 

 

Testo originale Traduzione

 

La ballada del pover Tofin canzone (testo: Evelina Sironi - musica: Niny Comolli)

La ballada del pover Tofin
mi ve canti perch
l'era on can bastardin che a Milan
tutti ciamen "pajee".

Ai manover su strad de campagna
'sto cagnoeu l'ha trovaa la cuccagna.
On Dragon l'ha guardaa poeu l'ha dii:
"Quest l'el tegni per m!"

Col padron in caserma content
el passava i s d.
El marciava Tofin per Milan
coi "Dragoni a cavall".

Poeu quel d ch'el padron l' partii
el Tofin guarda on poo l' finii
con la guardia al Palazzo del Re
fermaa l drizz in pee!

E de ronda l in piazza del Dmm
gh'era on can e on soldaa
on cagnoeu che coi oeugg al padron
el pareva incollaa

E quand l l' partii per la guerra
anca el can l'ha lassaa la sua terra
Fin in Russia el destin l'ha portaa
con centmila soldaa...

El cannon, la tormenta, la nev...
on fior ross...on foppon...
...on cagnoeu deperl disperaa
ch'el rif la soa strada...

La garitta de piazza del Dmm...
on soldaa ch'el gh'ha minga el s nomm...
...e t l che te spettet fident fra el viavai de la gent!
Ma l el torna n indree...Sara i oeugg can pajee!

l'era on can bastardin che a Milan tutti ciamen "pajee".

 

La ballata del povero Tofin canzone (testo: Evelina Sironi - musica: Niny Comolli)

La ballata del povero Tofin
ve la canto perch
era un bastardin che a Milano

 tutti chiamano "pajee".

Alle manovre su strade di campagna
questo cagnetto ha trovato la cuccagna.
Un Dragone l'ha guardato... poi ha detto:
"Questo lo tengo per me!"

Col padrone in caserma contento
trascorreva i suoi giorni.
Tofin marciava per Milano
coi "Dragoni a cavallo".

Poi il giorno che il padrone partito
Tofin - guarda un po' - finito
con la guardia al Palazzo del Re
fermo l dritto in piedi!

E di ronda l in piazza del Duomo
c'erano un cane e un soldato
un cagnetto i cui occhi parevano
incollati sul padrone.

E quando lui partito per la guerra
anche il cane ha lasciato la sua terra
Fino in Russia il destino l'ha portato
con centomila soldati...

Il cannone, la tormenta, la neve...
un fiore rosso...un cimitero...
...un cagnolino solo disperato
che ripercorre la sua strada...

La garitta di piazza del Duomo...
un soldato che non porta il suo nome...
...e tu l che aspetti fiducioso fra il viavai della gente!
Ma lui non ritorna...Chiudi gli occhi bastardino!

era un cane bastardino che a Milano tutti chiamano "pajee"

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)