I gnocch de sbet grass (Speri Della Chiesa Jemoli)    

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

I gnocch de sbet grass (novella)

 

Quai vint ann fa, quand s'eri gi a Milan,
Hoo cognossuu a Sant Cels, in d'on caff
Dove andavi de spess, on Marchesin
Sempr'allgher, simpatich, alla man,
Che tra de nun ams - soo n perch
S'rem miss ch'el ciammvom "el Cecchin";
L' giust appont a l che gh' success
El bell casett che vuj cuntavv adess.

 

                                 ***

 

Quell pover fioeu l'era tegnuu a stacchetta
Malastant ch'el gh'avess fior de plan-plan
De pod spend del s
Senza fagh tropp la metta,
Per 'vei ereditaa dalla mamman;
Ma s pap (on Marches stil rococc)
Restaa vedov e soll gi d'on poo d'ann,
L'era de quei pien de moralitaa
E de santa sapienza
Che, credend de fa ben, fann dom dann;
E che, ciappand l'impegn de f i peccaa,
Al prossim ghe fann f la penitenza.

 

De reson, anca ben ch'el giovinott
El fudess p on bagaj de and a scoletta,
(Ch d'ann el ghe n'aveva gi vintott)
E el sentiss ona voeuja malarbetta
De spassssela andand de ch e de l,
Ghe toccava st insc:
De sira ai des, allon!, sott pesg che impressa;
Ogni mattinna la soa santa Messa;
E l'era fors dom trii mes o quatter
Che l'aveva desmiss, ma d'ordinari
El s divertiment e el s teatter
L'era de st a rispond anca al rosari
Che diseven la coeuga e el s pap
Tost fenii de disn.

 

Gh' de bon che in gran part el se impattava
Del d a fa quell che i alter giovinott
Podven fa de nott:
Ai "Th-concert" in dove se ballava,
Al caff col bigliard, e in di alter sit,
Per f i s coss polit.
Ma con certi robbett, gi, sanguannon!,
Del d no gh'era el mezzo de impattass!...
Sta volta l'era giusta Sbet grass
E ghe sariss toccaa and n al veglion?!...
No sia mai vera!...Quand hinn staa i des or,
Come de solit, el s' miss al cobbi;
Ma, subet ch'el moment l' staa in favor,
Foeura pian pian di dobbi
Cont gran riguard per minga f frecass,
El s' vestii, l'ha rimpolpaa el borsin,
E dal primm pian - de gi che l'era bass -
Lassandes gi coi man, se l' cavada;
L' ha traversaa el giardin
E l' andaa a gd anch l la soa nottada.

 

Ma al sur Marches, che l'era gajnnon,
Dessedandes l adree alla mezzanott,
Gh' vegnuu la cattiva ispirazion
De and a ved se el merlo l'era sott;
E, trovand el lett voeuj, l'ha pensaa ben
De logass denter l:
Che insc doman matinna quand el ven
(L'ha ditt) el ciappi in bagna e el scappa p!

 

                         ***

 

All'alba di ses or, el Marchesin
El torna a c diffatti ben persuas
D'avella fada franca...pian pianin
El va per and in lett
Gustand anm el profumm s per el nas
D'ona certa "Pierrette"
Ch'el gh'aveva avuu in scoss durant la znna
In d'on gabinettin particolar...
Ma, apenna dervii l'uss, tra 'l scur e el ciar
Della matinna, el ved sta bella scnna:
S pap ch'el ronfava alla p bella
Al s post, per cattall propri in pollee!...

 

Dessedall? (el s' ditt) manca anca quella!
Putost mi torni indree!...
Infin, poeu, l'ha decis, pensandegh s,
De fa pace-pagaa:
E in del lett del pap l' andaa dent l
Per fass trov, a s temp, indormentaa.

 

Ma l' ben che cont l'anem inquiett,
Per quanto ghe n'avess on gran bisogn
E el se voltass e revoltass in lett,
L'era minga fottuu de trov el sogn.

 

                            ***

 

A on tratt, in quella ch'el requiava on poo,
El sent a derv l'uss e, alzand el coo,
El ved a vegn dent n'apparizion,
Come on fantasma che, col pass incert
De vun che va a taston,
El ven l al lett per tir indree i covert
E casciass sott ai dobbi!...

 

Chi va l!...
 (Vosa el "Cecchin" che, al pass e alla statura
L'ha capii che l' minga s pap)
E l'ombra, via! a scapp de gran premura
Cont on cgol acutt per el spavent!...

........................................

Ah... quella vs... qui brasc...quell taffanari!...
Eren quei della coeuga!... ciar... patent!...
(Ona tosotta stagna
Vegnuda de montagna
Che gh'aveven in casa da pocch mes:
E l'era giust d'allora ch'el Marches
L'ha dispensaa el fioeu de d el rosari.
Se ved che, per quistass pussee virt,
Ghe piaseva respondegh dom l).

                              ***

Fatt l' ch'el Marchesin, cont meraviglia,
Quand poeu l' levaa su, a metaa giornada,
Inscambi de toeu s l'intemerada
Ch'el specciava, dal capp della famiglia,
L'ha sentuu che in cusinna el s pap
El gh'ha ditt alla coeuga: - Neh, Gioconda,
I gnocch, l' mei fai p, per el disn;
Perch l' on piatt pesant
Che a digerill de nott, dal pocch al tant,
El ghe fa perd a tucc la trebisonda!!

(1910)

 

Gli gnocchi del sabato grasso

 

Una ventina di anni fa, quando ero gi a Milano,

ho conosciuto a San Celso, in un caff

dove andavo sovente, un Marchesino

sempre allegro, simpatico, alla mano,

che tra noi amici non so perch

ci eravamo accordati di chiamarlo el Cecchin;

proprio a lui che capitato

il bel fatterello che voglio raccontarvi adesso.

 

                             ***

 

Quel povero ragazzo era tenuto a stecchetto

nonostante avesse fior di mezzi

da poter spendere del suo

senza troppe restrizioni,

per averli ereditati dalla mamma;

ma il suo pap (un Marchese stile rococ)

rimasto vedovo e solo gi da qualche anno,

era di quelli pieni di moralit

e di santa sapienza

che, credendo di far bene, fanno solo danni;

e che, assumendosi l'onere dei peccati,

lasciano al prossimo la penitenza.

 

Di modo che, bench il giovanotto

non fosse pi un bambino dellasilo,

(che di anni ne aveva gi ventotto)

e si sentisse una voglia matta

di spassarsela andando qua e l,

era costretto a vivere cos:

di sera alle dieci, mrsc! di corsa a letto;

ogni mattina la sua santa Messa;

ed eran forse solo tre o quattro mesi

che aveva smesso, ma solitamente

il suo divertimento e il suo passatempo

erano di stare a rispondere anche al rosario

che dicevano la cuoca e il suo pap

non appena terminata la cena.

 

C di buono che in gran parte andava in pari

facendo di giorno quello che gli altri giovanotti

potevano fare di notte:

Ai Th-concert dove si ballava,

al caff con bigliardo, e negli altri luoghi,

per fare i propri comodi tranquillo.

Ma con certe cosette, gi, accidenti!,

di giorno non cera la possibilit di pareggiare!...

Questa volta era guarda caso Sabato grasso

e gli sarebbe toccato rinunciare al veglione?!...

Non sia mai vero! Quando furono le dieci,

come di solito, si mise a letto;

ma, appena intravisto il momento favorevole,

usc pian piano dalle lenzuola

con grande attenzione a non fare rumore,

si vest, rimpinz il portafogli,

e dal primo piano che era basso

aiutandosi con le mani, salt gi;

attravers il giardino

ed and lui pure a godere la sua nottata.

 

Ma al signor Marchese, che era un furbacchione,

svegliandosi intorno alla mezzanotte,

venne la cattiva ispirazione

di andare a vedere se il merlo era sotto;

e, trovando il letto vuoto, pens bene

di infilarcisi dentro lui:

Che cos domani mattina al suo rientro

(disse) lo prendo in castagna e non scappa pi!

 

                             ***

 

Allalba delle sei, il Marchesino

Torn a casa infatti ben persuaso

daverla fatta franca pian pianino

fece per andare a letto

gustando ancora il profumo col naso

di una certa Pierrette

che aveva avuto in braccio durante la cena

in un particolare separ

Ma, appena aperto luscio, tra il buio e la luce

della mattina, vide questa bella scena:

il suo pap che russava alla pi bella

al suo posto, per coglierlo proprio in castagna!...

 

Svegliarlo? (si disse) ci mancherebbe altro!

Piuttosto torno indietro!...

Infine, poi, decise, pensandoci su,

di fare pari e patta:

e nel letto del pap ci entr lui

per farsi trovare, a tempo debito, addormentato.

 

Ma a causa dellanimo inquieto,

per quanto ne avesse un gran bisogno

e si voltasse e rivoltasse nel letto,

non fu capace di trovare il sonno.

 

                         ***

 

Ad un tratto, proprio mentre si era rilassato,

sent aprire la porta e, alzando il capo,

vide entrare unombra,

come un fantasma che, con il passo incerto

di uno che procede a tentoni,

si avvicina al letto per scostare le coperte

e cacciarsi sotto le lenzuola!...

 

Chi va l!...

(Grid el Cecchin che, dal passo e dalla statura

cap che non era il suo pap)

E lombra, via! A scappare di gran premura

con un urlo acuto per lo spavento!...

 ....................................

Ahquella voce quelle braccia quel sedere!

Erano quelli della cuoca!... chiaro lampante!...

(Una ragazzotta stagna

venuta dalla montagna

che avevano in casa da pochi mesi:

e fu proprio da allora che il Marchese

dispens il figlio dal dire il rosario.

Si vede che, per acquisire maggiore virt,

voleva rispondere solo lui).

                              ***

Il fatto che il Marchesino, con meraviglia,

quando poi si alz, a met giornata,

anzich prendersi la ramanzina

che aspettava, dal capo famiglia,

sent che in cucina suo pap

diceva alla cuoca: - Neh, Gioconda,

gli gnocchi, meglio non farli pi, per cena;

perch un piatto pesante

che a digerirlo di notte, sia poco o tanto,

fa perdere a tutti la trebisonda!!

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)