I sonetti prostatici (Speri Della Chiesa Jemoli)       

 

Testo originale Traduzione

 

Tornom de cap? (Preludi)
traduzione di Pier Gildo Bianchi del Preludio de "I sonetti prostatici"

I

L'alter d tutt'a on tratt gh' staa on moment
Che a d la veritaa la m' girada!
Figurass che, fasend ona pissada,
M' vegnuu gi on slavagg de sangu' foghent.

Te voeutt ved - hoo pensaa - che borli dent
Ancam de bell noeuv in la mennada
Che soo m 'l prezzi che la m' costada
Duu o trii ann fa, de cruzzi e patiment?!

Per fortuna se ved che l' staa on cas,
Come succed de spess in Primavera,
A quei che va soggett al sangu' de nas.

Va ben; ma a m m'ha de tocc anca quell
Che quand i vnn gh'hann troppa bella ciera
Ghe faghen f de scrich a l'usell?!
(30.5.42)

II

Purtropp me sont illus, i m car gent,
Che la fuss insc liscia la bugada!
El bon che s'erom su 'na bonna strada,
Dopo quattr'o cinqu' d de coeur content,

I m donn, giust incoeu, improvvisament
Hann ciappaa n'altra brutta sacquaggiada
Quand gh' hoo annonziaa, dopo d'avella fada,
Che m' vegnuu de noeuv el sangu' fument.

In quanto a m, me gira pussee i ball
Al penser di volt mai de mttes sotta
Anm cont la cannetta e el pappagall

Che nanca se tirass l'ultima botta:
Se sto debet l' vora de pagall,
Ormai no me n'importa p nagotta!!
(1.6.42)

III

Pascienza: per conclud la cicciarada
A sora el taccon di m accident,
Ve disaroo che adess duu o trii sapient
Fann forsi cunt de dagh ona pestada

In de 'l mortee ai cus concorrent
Ch'hann faa resuscitt sta sanguannada,
Per decid la condanna p adattada
E strangolalla senza compliment.

Senti a discor de "radioterapia";
E per quell, ghe n'hoo no, m, de paur
Se se trattass de desfesci st'arla.

L' on intervent che 'l dovriss vess sicur:
Tratt coi "ragg", ma senza economia,
Di robb che, in vitta, staven sempr'al scur!
(3.6.42)

IV

Hoo fenii incoeu la terza applicazion
De tr sedutt ognunna de qui "ragg"
Che dovrissen avegh el gran vantagg
De rid quella gianda a la reson

Per f che la disturba p i fonzion
Inerent a la canna del pissagg
E che la sia fenida cont quell scagg
Che tegneva i m donn in apprension.

E voeura el Ciel, dopo sto battaclan,
Che no me troeuva anm settaa in su l'assa
Col risultaa d'on pugn de mosch in man;

Come fa col brutt temp la nebbia bassa,
Conforma del proverbi di villan:
Che tal le troeuva e tal-e-qual le lassa.
(9.7.42)

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)