Milano, agosto 1943 (Salvatore Quasimodo)     
            (libera traduzione di Angela Turola)

 

 

Testo originale Traduzione

 

Milano, agosto 1943

Invano cerchi tra la polvere,
povera mano, la citt morta.
E' morta: s' udito l'ultimo rombo
sul cuore del Naviglio. E l'usignolo
caduto dall'antenna, alta sul convento,
dove cantava prima del tramonto.
Non scavate pozzi nei cortili:
i vivi non hanno pi sete.
Non toccate i morti, cos rossi, cos gonfi:
lasciateli nella terra delle loro case:
la citt morta, morta!

 

Milan, agost milanoeuvcentquarantatrii

 

Te cerchet per nagtt in tra la polver,
povera man, l' mrta la citt.
L' mrta: s' sentii l'ultim tron
sora el coeur del Navili. El rossignoeu
l' crodaa de l'antna sul convent,
in doe el cantava prima de f sera.
Inutil scav pozz in di cortil
I viv gh'hann p de st.
E tocchee minga i mrt, insc ross, insc sgonfi:
lassei in de la terra di s c:
l' mrta ormai, l' mrta la citt!

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)