Disnaa de Natal (Giampiero Zanchetta)       

 

Testo originale Traduzione  
 
Disnaa de Natal (1985)
 
L'era la ntt de Natal. Foeura la nev.
La s a l'ultim pian, in del spazzac,
gh'era on pover barbon cont el coeur grev,
pien de fastidi; trist e malandaa.
 
Soll, settaa a la banca biccochenta,
barbelland al frecc de quella stanza,
el biassava 'na ftta de polenta
col coeur giazzaa, svoiaa d'ogni speranza.
 
Quando, in del silenzi de la sera,
se sent a piccaa l'uss, "Permess, se p?"
L' on donnin cont el faccin de cera,
la derva el sciall, la dis: "El m pop".
 
Che bel fiolin! L' bell 'me la soa mamma!
Quij rizzol biond e quij duu oggitt celest
scalden el pover vegg come ona fiamma,
'me on auguri per i s bon fest.
 
"Cosa la voeur de m?" el ghe domanda,
"La carit" la dis; e l l'invida.
"Gh'hoo dom on poo de 'sta borlanda
e on piatt de bella cera savorida.
 
Dopo mangi quell pcch, senza parl
la quatta el s fiolin in del fagtt,
la leva s e la fa per ringrazi.
"Grazie de cosa? Se l'ha mangiaa nagtt!".
 
Quand el resta de per l, 'sto poer veggin
el pensa: "Chiss chi l' 'sta poera dnna?"
E poeu, on lampo! "L'era el Ges Bambin!
e Lee, sicur! Ma s, l' la Madonna!"
 
Allora quell vegg desfaa da la pellagra
el se mett a preg: "Che disnaron
l' diventada la mia zna magra.
Gh'hoo daa a la Madnna el m boccon.
 
E lacrim de gioia a sgorattaven gi
per qulla faccia secca e consumada,
nanca el fregg le tormentava anm.
El se sentiva l'anima scaldada.
 
Pranzo di Natale (1985)
 
Era la notte di Natale. Fuori la neve.
Lass all'ultimo piano, nel solaio,
c'era un povero barbone con il cuore pesante,
pieno di problemi; triste e malandato.
 
Solo, seduto sulla panca sgangherata,
tremando al freddo di quella stanza,
mangiucchiava una fetta di polenta
col cuore ghiacciato, svuotato di ogni speranza.
 
Quando, nel silenzio della sera,
si sente bussare all'uscio, "Permesso, si pu?"
 una donnina con un faccino di cera,
apre lo scialle, dice: "Il mio pupino".
 
Che bel bambino!  bello come la sua mamma!
Quei riccioli biondi e quei due occhietti celesti
scaldano il povero vecchio  come una fiamma,
come un augurio per le sue buone feste.
 
"Cosa desidera da me?" le domanda,
"La carit" dice; e lui l'invita.
"Ho solo un po' di questa brodaglia
e un piatto di buona accoglienza saporita.
 
Dopo aver mangiato quel poco, senza parlare
copre il suo bimbetto nel fagotto,
si alza e fa per ringraziare.
"Grazie di che? Se non ha mangiato niente!".
 
Quando resta solo, questo povero vecchietto
pensa: "Chiss chi  questa povera donna?"
E poi un lampo! "Era Ges Bambino!
e Lei, certamente! Ma s,  la Madonna!"
 
Allora quel vecchio distrutto dalla pellagra
si mette a pregare:"Che cenone
 diventata la mia magra cena.
Ho dato alla Madonna il mio boccone.
 
E lacrime di gioia scendevano
su quella faccia secca e consumata,
nemmeno il freddo lo tormentava pi.
Si sentiva l'anima riscaldata.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)