Gh'era ona volta (Pier Luigi Amietta) 

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Gh'era ona volta

Gh'era ona volta on magatll de gess
Negher e sgarbellaa, perch de spss
on didn curos le sgraffignava...
Gh'era ona volta on poresn ch'el stava
con la soa pitta, giald e tremorent,
in la cavagna 'n dove l'era dent...
Gh'era ona volta el spcc (ch'el me speggiava)
d'ona biciclettina che l'andava
e 'l me parlava de duu oeucc bagai,
de cicch e de ballon e cattanaj...
Gh'era ona volta on platen...Senti anm
l'odor di foeuj quand che vegneven gi...
Gh'era ona strada, bianca come on ss,
coi vioeul e i margheritt arent al fss...
Gh'era ona volta, gh'era...e la gh' p...
Gh'era, ona volta, la mia giovent.

 

C'era una volta

C'era una volta un burattino di gesso
nero e scrostato, perch di spesso
un ditino curioso lo graffiava...
C'era una volta un pulcino che stava
con la sua chioccia, giallo e tremebondo
dentro il cavagno dove si trovava
C'era lo specchio (dove mi specchiavo)
d'una biciclettina in movimento
che parlava di due occhi bambini,
di biglie, di palloni e cianfrusaglie.
C'era una volta un platano...E ancor sento
l'odore delle foglie che cadevano...
C'era una strada, bianca come un osso,
con viole e margherite lungo il fosso..
C'era una volta... C'era e non c' pi
C'era una volta, la mia giovent.

Commento

Un tipico "amarcord" lirico, dove si rievocano le sensazioni fisiche - che sempre si segnano indelebilmente, nell'et pi verde - che accompagnavano il bambino nei momenti magici dell'apprendimento del mondo. Da porre in evidenza come, in ogni bambino, qualsiasi contatto col mondo "magico".

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)