La fin de la canzon (Pier Luigi Amietta) 

               (Gianni Fochi)

 

Testo originale Traduzione letterale

 

La fin de la canzon

Te guardavi in di oeucc, quej ultim d.
Per t
numm serom p el t fioeu
p la toa mie.
Serom di foeuj crodaa
che volaven intorna ai t pensr.
Serom ricrd...Seri el ricrd del s,
su la rizzada - Cava Muscch, -
dove andavom in bici i d de festa
t a mett al fresch i pee, m a f di fpp
con la paletta...
E te me davet i t insegnament:
(minga de liber, n...): te me mostravet
come se fa a taj el salamm de sbiss
a impizz 'l foeugh senza fa trpp de fumm.
E pusse innanz, quand seri p bagaj,
come se fa a mol sora el coramm
el res, 'dasi 'dasi, innanz e indree...
Te disevet p nient, ma in del t nient
gh'era tusscoss: gh'era la mamma:
oh, gent, 'me la rideva
quand ti te comparivet, d'improvvs
(l' semper in cusina)
cont el cappell in coo...El s,
quel del s d de sposa!
Ghe seri m, fiolett, quand andavom la festa
a f gir i barchett in la fontana.
Gh'eren i praa de la toa giovent
e poeu i tram bianch, de quand
te seret on "manetta..."

Adess son ch, gi vgg,
e stracch, con l'inventari
di m ricrd.
Ma voraria dom
che di bei d che semm staa tucc insemma
i m fioeu ghe n'avessen la met.

 

La fine della canzone

Ti guardavo negli occhi, quegli ultimi giorni...
Per te
noi non  eravamo pi tuo figlio
pi tua moglie.
Eravamo foglie cadute
Che volavano attorno ai tuoi pensieri.
Eravamo ricordi... Ero il ricordo del sole
sull'acciottolato - Cava Musocco, -
dove andavamo in bici nei giorni di festa
tu a mettere i piedi al fresco, io a far buche
con la paletta...
E tu mi davi i tuoi insegnamenti
(non dei libri, no...): mi mostravi
come si fa a tagliare il salame obliquamente,
accendere il fuoco senza far troppo fumo.
E pi avanti, quando non ero pi bambino,
come si affila sul cuoio,
il rasoio, adagio, adagio, avanti e indietro...
Non dicevi pi nulla, ma nel tuo nulla
c'era tutto: c'era la mamma:
oh gente, come rideva! -
quando tu apparivi all'improvviso
( sempre, in cucina)
col cappello in testa... Il suo,
quello del suo giorno di sposa!...
C'ero io, bambino, quando andavamo di festa
a far girare le barchette nella fontana.
C'erano i prati della tua giovent
e poi i tram bianchi, di quando
eri manovratore...

Adesso sono, qui, gi vecchio,
e stanco, con l'inventario
dei miei ricordi.
Ma vorrei soltanto
che dei bei giorni che passammo insieme
i miei figli ne avessero la met.

Commento

Il tema del padre e della madre - o, in ogni caso, di figure paterne o materne - ha nelle antologie poetiche precedenti innumerevoli e non di rado illustri, da Dante a Sbarbaro (ma basterebbe Pascoli, per tutti).
La psicologia umana, sempre difficile da decifrare, anche in questo caso, fa s che la consapevolezza del mondo protettivo, affettuoso e lieto connesso alle figure genitoriali - quasi sempre affiori e diventi viva dopo la loro scomparsa, quando i ricordi assumono inesorabilmente la forma del rimpianto. Ma ognuno ha un suo vissuto e un suo modo di riviverli: questo uno dei tanti, dove emerge un clima familiare semplice, modesto e popolare, ma caldo e ricco di emozioni.

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)