La gioia che si sente (Pier Luigi Amietta) 

   Inno alla gioia (Josef Donatelli)

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Se gh' on moment, de sera o de mattina.
che te guardet el s quand el va gi,
o el sponta l, dedree de la collina
e 'l se sferla de sbiss in sul com,
te penset ai t d; quei ch'hinn passaa
e quei che per adess in anm t...
Quel che te podet d e te podet f:
scriv ancam on quai liber, rampeg
sora ona quai montagna, visit
on quai paes lontan; o rest a c,
settaa su ona cadrega o sora el t
divan, f deslengu ona caramella,
sent 'na sinfonia (o magari do)...

L' no per lamentass o fa querella:
gh' semper on quaicossa in la TIVI':
on concert (e la musica l' bella),
e 'na quai volta al Super ghe voo m...
Ma, sacranon, disemmela, 'sta vita
a m la me par loffia, d per d,
Ven voeuja de sfoj la margarita
per domandagh "sto chi o sto minga ch?

Me guardi el mus ch'el ven foeura del specc,
vedi on bagaj (o la vista me inganna?),
poeu vedi on vegg, on giovin e anm on vegg
(i ricord che me fann la gibigianna)...
Ma quel bagaj d'on d l' insc lontan,
e 'l vegg l' ch, a tutti i or del d...

E come in sogn, me incanti l a pens,
fin quand vedi ancam spont on bagai
ch'el me someja...E adess? Sont anm m?...
Eh no, quest ch l' viv, l' minga on sogn,
el gh'ha i tressitt e on faccin de bombas:
e poeu el gh'ha in man soo no che catanai
che me le struscia fina sotta al nas....
"Ti piace nonno?". "Bello, me lo dai?".
"No questo mio". "E' mio di chi?"
."Di Alice"
.

E adess vor sav 'se me succed?
Che tutt i penser negher van in nient,
troo via la margarita e, dov cred,
da la "Lucia" d'on bott, me ven in ment
la "gioia che si sente, e non si dice..."

 

Se c' un momento, di sera o mattina,
che guardi il sole andare in gi o in su
spuntare l da dietro la collina
e fendersi di sbieco sul com
pensi ai tuoi giorni, a quelli passati
e a quelli che per ora, sono i tuoi...
A quel che puoi ancora dire e fare...
Scrivere ancora un libro, arrampicare
sopra qualche montagna, visitare
un paese lontano...O stare in casa
sopra una sedia o sopra il tuo divano
a far sciogliere in bocca una caramella;
sentire una sinfonia...magari due...

Non per lamentarsi o protestare:
c' sempre qualcosetta alla TV
un concerto (e la musica bella)
e qualche volta al Super vado io...
Ma, accidenti, io dico, questa vita
Mi sembra d'un gran soffio, d per d.
Vien voglia di sfogliar la margherita
e chiederle "Sto qui o non sto pi qui?"

Osservo il muso ch'esce dallo specchio
vedo un ragazzo (o la vista mi inganna?)
poi vedo un vecchio e un giovane ed un vecchio
(i ricordi mi fan la "gibigianna")...
Ma quel ragazzo ormai tanto lontano
e il vecchio qui per tutto il santo giorno

E, come in sogno, m'incanto a pensare
fin quando vedo ancora spuntare un bimbetto
che mi somiglia un po' ? Sono ancora io?
Eh, no, questo ben vispo, non un sogno,
ha le treccine, un musetto d'ovatta
e poi ha in mano non so quale arnese
che mi agita fino sotto il naso
"Ti piace, nonno?" - "Bello, me lo dai?"
"No, questo mio!" - "E' mio di chi?"
"Di Alice!"

Volete saper cosa mi succede"
Via il nero dei pensieri e butto via
la margherita, mentre di colpo
la frase di "Lucia" mi viene in mente:
"La gioia che si sente... e non si dice."

Commento

La noia che prende quando si sente che la vita ci ha chiesto e dato quasi tutto ci che ci si poteva attendere dalla propria storia e dalle proprie condizioni sociali, a volte pu diventare insopportabile. Ma ecco il miracolo: attraverso la metafora di uno specchio che non pi soltanto riflesso del passato, ma diviene magica proiezione del futuro, affiora un s che si riproduce, rivive e si rinnova attraverso le maglie misteriose della catena generazionale; e allora alla mente tornano le parole - ma soprattutto la frase musicale straordinaria di cui Donizetti le ha ornate - che la povera Lucia di Lammermoor pronuncia nel suo vano e delirante inseguimento d'un sogno ormai perduto: "Oh, gioia che si sente e non si dice"

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)