L'infinito (traduzione di Ada Lauzi)     

 

Testo originale Traduzione

 

L'infinito   (Giacomo Leopardi)

 

Sempre caro mi fu quest'ermo colle,

e questa siepe, che da tanta parte

dell'ultimo orizzonte il guardo esclude.

Ma sedendo e mirando, interminati

spazi di lÓ da quella, e sovrumaniá

silenzi, e profondissima quiete

io nel pensier mi fingo; ove per poco

il cor non si spaura. E come il vento

odo stormir tra queste piante, io quello

nfinito silenzio a questa voceá

vo comparando: e mi sovvien l'eterno,

e le morte stagioni, e la presente

e viva, e il suon di lei. Cosý tra questa

immensitÓ s'annega il pensier mio:

e il naufragar m'Ŕ dolce in questo mare.

L'infinito

 

Semper car al mŔ coeur sto montesell
come sta sces, che al bell vardÓ la scond
on bell tratt d'orizzont.
Settaa rimiri quiett, de lÓ al murell
de frasch e de germoeuj
e per quell citto, caregh d'infinii,
in fond al coeur, stranii
cress meneman on sgrisor de sgoment.

Senti la vos del vent in mezz ai foeuj,
vos misteriosa, vos d'immensitÓ,
penser d'eternitÓ
che liga insema mort, vita, germoeuj.
Cˇme lughÚr al vent
Volen in tanta pas, i mŔ penser
in d'on mar de seren
doe volentera, voraria negÓ.

Commento

 

Invia i t˛ penser, i t˛ emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)