El pioeuv in la pineta (Carlo Alberti)             

 

Traduzione Testo originale

 

El pioeuv in la pineta

 

Tas. Ch al princpi

del bsch m scolti p

quel che te dset t;
m sclti adess

chinsc

sti paroll pussee noev

che prlen foej e gott

l gi.

Ma sent. EI pioev

di nvoi sparpajaa.

EI pioev su i tamersch

de sl savrii e scch,

e 'l pioev l sora i pin

coi fust rugs de scj,

e 'n su i martll el pioev

divn,

su i ginper imbottii

de sti pign odors,

e 'l pioev su i noster facc

che sann com de bosch,

e 'l pioev

su i nost man biott,

su sti noster vestii

leggr, insc leggr,

e 'n su i lster penser

che in l'anima lavada

se fann strada,

e 'n su sta fantasa

che jer bella per t,

che ' ncoe bella per m,

l' sta cara illusin,

o Ermionna.

 
Te sntet? Pioev adess

in tutt el verd

cont ch nissn,

col s scch romorn senza fin

che 'l varia in l'aria

a seconda di foej

pussee rar o men rar.

Ma sento L ghe rispnd a

i lagrimn la canzn

di scigll

che pagra gh'hann n

di lgrimm de l gi

e nemnch

de sto ciel scendern.

E 'l pin

el manda 'n sn, e 'l martll

'n lter: sti stromnt

tucc different

sott milla e milla did.

E sprofondaa

nun semm in l'anima

del bosch,

ch a viv col viv di piant;

e 'l t faccn estasiaa

l' tutt bagnaa

com 'na foeja,

e i t cavj

gh'hann sto profmm

di bej ginster,

o t donna terster,

t ciamada

Ermionna.

 

Ma sent, ma sento El cr

di scigll dent in l'aria

a pocch a pocch

pussee scur el se f,

'pussee sord el ghe sonna,

sott al crss

del lagrim;

col barbott mes' ciaa

d' on cant che de la gi

da l'mid el ghe vegn

d' on' ombra fosca.

Pussee scur e pussee bass

l 'l cala, e'l s' smorzaa.

Anm appenna 'na vs
che la tremma, e la se smorza,

che rinss, e la se smorza.
Ma nemanch ona vos l del mar.

A 'n tratt per se sent
trabtt per tucc i foej
cent milla gott d'argnt
d' on' acqua che la lava,
sto battirn
che 'l varia
a seconda di foej
pussee rar o men rar
.
Ma sent
.
La t
s adess de l'aria

sta creatura;
ma dal pantn l 'n bass,

 l 'n la bassra
la rana,
in l'ombra fosca lontana
la ghe canta,
chi s 'ndov, chi s 'ndov!
E 'l pioev sora i t
cili,

Ermionna.

 Pioev su i too cili nr,

com a piang anca t,

ma de piasr; adess minga t bianca,

ma verdnna,

'm dree a nss d' ona pianta.

L' in nun la vita fresca

profumada,
e fresch in sen 'm 'n prsich
el nost coer;

e ' m sorgv tra i erbtt

in di plpeber i oecc

a sberlus, hinn in bocca i dent incastonaa

'm sti mndorl quasi azerbtt.

E vemm de sces in sces,

adess insemm strengiuu e adess tucc separaa

(e 'l verd incj del bosch

ai cavcc el gh'inciampa,

el ghe 'mbrja i genoecc),

nun vemm chi sa 'ndov, chi sa 'ndov!

E 'l pioev su i noster facc

che sann anlr de bosch,

e 'l pioev su i nost man biott,

su sti noster vestii

leggr, insc leggr,

in su i lster penser

che in l'anima lavada

se fann strada,

e 'n su sta fantasa,

che jer bella per m,

che 'ncoeu bella per t,

l' sta cara illusin,

o Ermionna.

 

El sbel sdes de Mag 1981, tutt on cir e scr de nivoi e de seren.

 

La pioggia nel pineto (Gabriele D'Annunzio)

 

Taci. Su le soglie
del bosco non odo
parole che dici
umane; ma odo
parole pi nuove
che parlano gocciole e foglie
lontane.
Ascolta. Piove
dalle nuvole sparse.


Piove su le tamerici
salmastre ed arse,
piove sui pini
scagliosi ed irti,
piove su i mirti
divini,
su le ginestre fulgenti
di fiori accolti,
su i ginepri folti
di coccole aulenti,
piove su i nostri volti
silvani,
piove su le nostre mani
ignude,
su i nostri vestimenti
leggeri,
su i freschi pensieri
che l'anima schiude
novella,
su la favola bella
che ieri
t'illuse, che oggi m'illude,
o Ermione.

 

Odi? La pioggia cade
su la solitaria
verdura
con un crepitio che dura
e varia nell'aria secondo le fronde
pi rade, men rade.
Ascolta. Risponde
al pianto il canto
delle cicale
che il pianto australe
non impaura,
n il ciel cinerino.
E il pino
ha un suono, e il mirto
altro suono, e il ginepro
altro ancora, stromenti
diversi
sotto innumerevoli dita.
E immensi
noi siam nello spirito
silvestre,
d'arborea vita viventi;
e il tuo volto ebro
molle di pioggia
come una foglia,
e le tue chiome
auliscono come
le chiare ginestre,
o creatura terrestre
che hai nome
Ermione.

 

 

Ascolta, Ascolta. L'accordo
delle aeree cicale
a poco a poco
pi sordo
si fa sotto il pianto
che cresce;
ma un canto vi si mesce
pi roco
che di laggi sale,
dall'umida ombra remota.

Pi sordo e pi fioco
s'allenta, si spegne.
Sola una nota
ancor trema, si spegne,
risorge, trema, si spegne.
Non s'ode voce del mare

Or s'ode su tutta la fronda
crosciare
l'argentea pioggia
che monda,
il croscio che varia
secondo la fronda
pi folta, men folta.
Ascolta.
La figlia dell'aria
muta: ma la figlia
del limo lontana,
la rana,
canta nell'ombra pi fonda,
chi sa dove, chi sa dove!
E piove su le tue ciglia,
Ermione.

 

 

 

 

 

 

Piove su le tue ciglia nere
s che par tu pianga
ma di piacere; non bianca
ma quasi fatta virente,
par da scorza tu esca.
E tutta la vita in noi fresca
aulente,
il cuor nel petto come pesca
intatta,
tra le palpebre gli occhi
son come polle tra l'erbe,
i denti negli alveoli
son come mandorle acerbe.
E andiam di fratta in fratta,
or congiunti or disciolti
( e il verde vigor rude
ci allaccia i melleoli
c'intrica i ginocchi)
chi sa dove, chi sa dove!
E piove su i nostri volti
silvani,
piove su le nostre mani
ignude,
su i nostri vestimenti
leggeri,
su i freschi pensieri
che l'anima schiude
novella,
su la favola bella
che ieri
m'illuse, che oggi t'illude,
o Ermione.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)