La cagnetta verginella (Carlo Alberti)    

 

Traduzione Testo originale

 

La cagnetta verginella

 

A lee ghe vegn in ment adess on d,
sto malarbtt d'on d! quand el s amr,

st' amorn de cagnetta verginella,
che ' na tosa di Grazie la pareva,
intant che la smorbiava, l a giug,
col s dentn d'avori el p viln
d'on serv appnna appnna l'ha sfrisaa;

ma l, col p dannaa, sto prepotent
l'ha spedda lontn: l' tomborlada
tre volt; tre volt el pel tutt strapazzaa
la s' scorlda, e poe dal s nasn
lee l'ha boffaa sta plver besisa.
E l 'n di s lament ad alta vs
"ajtt ajtt" pareva de sent;
de mod che di voltn l tucc doraa

 financa l'eco l'ha rispost piets:
e di cantnn sti servitr scontent

sorgven, e dai stanz tucc sti servt
fioccven con sta cera de panctt.
Hinn cors l tucc; e 'l s faccn sbroffaa

l col prorumm lr gh'hann a la soa Dama;

e 'nfn l' rinvegnda: el dispias,
la rabbia la scorlven 'm 'na pianta.
Lee l'ha 'nciodaa coi oecc el servitr,
e poe cont la vosetta pussee dolza
tre vlt l'ha riciamaa la soa cagnetta:
e lee la gh' sgorda in di s brasc,
l a dgh coi s monn de vendiclla:
e vendicada t'hann, di Grazie tosa,
o amorn de cagnetta verginella.
Smort de spaghtt el servitr dannaa,

l'ha sentii coi oecc bass la soa sentenza.

 Nagtt hinn staa vint'ann pien de premr,

n i s servzzi finna misteris:
varven p i promss, n i orazin.

Sbiottaa de tutt, financh de la livrea
che la gent la vardava con rispett.
N 'l gh' eva de sper quaj noev padrn,

 perch sti Damm piets ghe l'evan s,
cont l ghe l'evan s per sto misftt.

Sto pover' omm, coi soo bagj sbiavii

e cont la miee arnt, li mezza biotta,

 l'eva li 'n la contrada a lamentss
e a cerc s fra quej che mai scoltven.

Ma ti, cagnetta verginella, intant
de sti ommen per ti sacrificaa
'm a on idol, in s'csger ti t'andvet.


In Cernsch sul Navlli, el sbet quindes de November 1980.
 

 

La Vergine cuccia (Giuseppe Parini - IL GIORNO)

 

Or le sovviene il giorno,
ahi fero giorno! allor che la sua bella
vergine cuccia de le Grazie alunna,
giovenilmente vezzeggiando, il piede
villan del servo con l'eburneo dente
segn di lieve nota: ed egli audace
con sacrilego pi lanciolla: e quella
tre volte rotol; tre volte scosse
gli scompigliati peli, e da le molli
nari soffi la polvere rodente.
Indi i gemiti alzando: aita aita
parea dicesse; e da le aurate volte
a lei l'impietosita Eco rispose:
e dagl'infimi chiostri i mesti servi
asceser tutti; e da le somme stanze
le damigelle pallide tremanti
precipitro. Accorse ognuno; il volto
fu spruzzato d'essenze a la tua Dama;
ella rinvenne alfin: l'ira, il dolore
l'agitavano ancor; fulminei sguardi
gett sul servo, e con languida voce
chiam tre volte la sua cuccia: e questa
al sen le corse; in suo tenor vendetta
chieder sembrolle: e tu vendetta avesti
vergine cuccia de le grazie alunna.
L'empio servo trem; con gli occhi al suolo
ud la sua condanna. A lui non valse
merito quadrilustre; a lui non valse
zelo d'arcani uficj: in van per lui
fu pregato e promesso; ei nudo andonne
dell'assisa spogliato ond'era un giorno
venerabile al vulgo. In van novello
signor sper; ch le pietose dame
inorridro, e del misfatto atroce
odir l'autore. Il misero si giacque
con la squallida prole, e con la nuda
consorte a lato su la via spargendo
al passeggiere inutile lamento:
e tu vergine cuccia, idol placato
da le vittime umane, isti superba.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)