La cort veggia "del Dvid" (Carlo Alberti)  

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

La cort veggia "del Dvid"

 

Oh, veggia cort "del Dvid" mia de m,

quanti bej pgn stenduu, quanti colr

per tucc i too cantn, dgn di pittr

che i rstegh gh'hann a coer de color!

 

L 'n fond gh'hemm la "cassnna" coi s lgn,

l 'n mezz di grand poccicch insavonaa;

poe sti cartt dree ai mr, coi brasc valzaa

e 'n sass de sott la roeuda per sostgn.

 

Sti milla cir e scr ai vecc cantn,

pien d'mid, rgn e boecc e cattanj

per tucc i spass de quej ch'van bagj...;

poe 'l mnegh de la "tromba" e sti seggin.

 

L in lt i tecc coi cpp on poo sbiavii,

e propi 'n su la scima d'on camn

on coo de sass o forse de marmn,

che 'l varda, ma 'ndov?, 'm 'n rimbambii.

 

D'estaa fra i pver c de la mia cort

sgorven i tignoelll dree a la ntt

e finna dent al prtich, l de stt:

e al cir in gr sti farfalltt tutt smort.

 

D'inverno, cont la nev a p non poss,

m stavi aps a 'n vder, a scign

sti ficch che ghe quattven cort e c,

coi sgrisor d' on gran frecc dent in di oss.

 

In Cernsch sul Navlli, el marted vintiqutter de Genr 1978.

 

La vecchia corte del Davide

 

Oh, mia vecchia corte del Davide,

quanti bei panni stesi, quanti colori

in ogni tuo angolo, degni di pittori

che hanno a cuore di dipingere i rustici!

 

L in fondo abbiamo la cascina con la sua legna,

l in mezzo grandi pozzanghere insaponate;

poi questi carretti vicino ai muri, con le braccia alzate

e un sasso sotto la ruota per sostegno.

 

Questi mille chiari e scuri ai vecchi angoli,

pieni di umidit, ragni e buchi e cianfrusaglie

per i divertimenti di coloro che eran bambini;

poi il manico della pompa e questi mastelli.

 

L in alto i tetti con le tegole un po sbiadite,

e proprio sulla cima di un camino

una testa di sasso o forse di marmetto,

che guarda, ma dove?, come inebetita.

 

Destate fra le povere case della mia corte

volavano i pipistrelli nella la notte

e fin dentro il portico, l sotto:

e intorno alla luce queste farfallette tutte smorte.

 

Dinverno, con la neve abbondante,

me ne stavo dietro a un vetro, a sbirciare

questi fiocchi che ricoprivano cortile e casa,

con i brividi di un gran freddo dentro le ossa.

 

Cernusco s/Naviglio, marted 24.01.1978

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)