Impression d'on milanes in del calcagn (A.M.Antonini) 

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Impression d' on milanes in del calcagn

 

SAN PEDER

 

De l'Appia d colonn segnen la fin,

Dopo sescent chilometri de strada,

E importa nient se oramai l'hann rifada

Col quattala de asfalt e gerettin!

L' semper lee! Incontra al s destin

Da Roma mader, che ai s temp l'ha fada,

La partiss drizza e lustra me ona spada

Tra ona filera scura de gran pin.

Drizza in pianura, ma l sora i collin

La se svergola anm come on bisson

In cerca de l'orient e i s regin...

Me guardi in gir, e pensi che Simon

Cont el Signor in coeur l' sbarcaa chi,

E poeu el tapascia anm fina ai nost d!

 

BRINDESI

 

Sgonfia la vella l'aria remondinna

Che moeuv el mar cont i ondesinn d'argent;

Gh' on pescador, la canna la dondinna

Intant che l, scrusciaa, el gh'ha i oeucc intent..

A pocch a pocch in l'ora mattutinna

Sul specc marin gi se destend el vent,

E l'onda granda e quella piscininna

Se metten, cicciorand, in moviment.

El sol anm malaa, in la nebbietta

El cerca de sbott sora i vapor

Per pod bas s la mia barchetta.

Mi me destendi e lassi pass i or

In santa pas, e senza and a pens

Che cunten anca quist per and in l!

 

 MOLO DI PUGLIA

 

Settaa de sora a on sass d'on murajon

Che el sfida el mar avert color violett,

Mi senti el barbott seguent e quiett

De l'onda che se romp contra i roccion.

EI vioeula, el verd, el ross, e poeu el marron

Metten insmma propi on bell quadrett,

EI bianch di s'ciumiroeu, luster e s'cett

EI cress poeu el scompariss come savon.

Passa dedree de m sora ona vespa

Ona coppia contenta de moros,

Lee contra el vent, con la soa testa crespa,

L coi brasc color. bronz, fort, muscolos...

E guardi in gir...

EI vedi ben anca m...

Misteri de la vitta, te set chi!

 

BARI VEGGIA DE FESTA

 

Bari veggia de festa! O Dio! Signor!

Robba mai vista! Adree adree ai streccioeur,

Foeura e dent di portasc, l' tutt on cor,

On giugatt, on ruzz de fioeu che voeur

Riv per primm, ciapp per primm, rumor

Che spacca i orecc, ma che v gi in del coeur

A ved sto rinass per via d'amor

De la vitta, intant che tuscoss moeur!

E svelt come saett, majetta gialda,

O verda o rossa, calzonitt strasciaa,

Gh'hann per soa c la piazza bella calda

Dal s che basa i oggitt desbarattaa...

Panf! L' rivaa on ballon propi sul nas!

L' on ballon innocent. Ciappa s e tas!

 

CUSINNA IN PIAZZA

 

Foeura d'una portinna a gh' on fornell

Che el fuma, el scrizza, el canta, el manda odor,

On odor che...el va s finna al cervell.

Col fatt vegn ona famm de sonador!

E cinqu pessitt cuntaa hinn l, bll bll '

Che cousen sotta al s tra i s vapor....

Dent in la stanza scura me on stabiell

Cinqu affamaa speccen de fagh onor.

Povera gent senz'aria in de la c,

La gh'ha aria per strada infinnamai,

Ma l' stretta anca lee, gh' nient de f!

C de miseria, e ges monumentai,

Popol strengiuu in di sass, Signor in l'ari...

Ma L l'ha n voruu cert sto desvari!

 

FIOLERIA

 

Tutti vosen, ciacciaren in dialett,

On lenguagg che a capill l' on terno al lott.

Per l' bell e a m el me f l'effett

D'on grappin bevuu gi dopo on biscott!

Te set content perch sto parl s'cett,

Anca se in fond ti t'hee capii nagott,

L' on parl popolar, l' ciar, perfett,

L' el parl di s vecc, pur, sempliciott.

Voo dent in d'ona cort; troeuvi ona sposa

In compra diciarada, e voo a ciam

Se la speccia on mas'cett opur na tosa.

E lee cont on farin tutt de cat:

Ne ho otto assortiti, e via, pazienza,

Prendo quel che mi d la Provvidenza!

 

Impressioni d'un milanese in meridione

 

 SAN PIETRO

 

DellAppia due colonne segnano la fine,

Dopo seicento chilometri di strada,

E non importa se ormai lhanno rifatta

Coprendola di asfalto e ghiaietta!

sempre lei! Incontro al suo destino

Da Roma madre, che ai suoi tempi lha fatta,

Parte dritta e lustra come una spada

Tra una schiera scura di grandi pini.

Diritta in pianura, ma l sopra le colline

Si incurva ancora come un serpente

In cerca delloriente e le sue regine

Mi guardo attorno, e penso che Simone

Con il Signore in cuore sbarcato qui,

E poi cammina ancora fino ai nostri giorni!

 

BRINDISI

 

Gonfia la vela laria cristallina

Che muove il mare con le ondine dargento;

C un pescatore, la canna si flette

Mentre lui, chino, ha gli occhi intenti...

A poco a poco nellora mattutina

Sullo specchio marino gi si distende il vento,

E londa grande e quella piccolina

Si mettono, sciabordando, in movimento.

Il sole ancora malato, nella nebbiolina

Cerca di sbucare sopra ai vapori

Per poter baciare la mia barchetta.

Io mi sdraio e lascio passar le ore

In santa pace, e senza pensare

Che anche queste contano  per andare avanti!

 

MOLO DI PUGLIA

 

Seduto sopra un sasso di un muraglione

Che sfida il mare aperto color violetto,

Sento il borbottare continuo e quieto

Dellonda che si frange contro le rocce.

Il viola, il verde,il rosso, e poi il marrone

Mettono assieme proprio un bel quadretto,

Il bianco dello spumeggiare, lucido e schietto,

Cresce e poi scompare come sapone.

Passa dietro di me su una Vespa

Una coppia felice di innamorati,

Lei contro il vento, con la sua testa riccioluta,

Lui con le braccia abbronzate, forti, muscolose

E guardo attorno

Lo vedo bene anchio

Misteri della vita, sei qui!

 

 BARI VECCHIA NEI DI' DI FESTA

 

Bari vecchia nei d di festa! Oh Dio! Signore!

Roba mai vista! Lungo i vicoli

Fuori e dentro i portici, tutto un coro,

Un giocare, uno spingersi fra ragazzi che vogliono

Arrivare primi, prendersi per primi, rumore

Che rompe le orecchie, ma che penetra nel cuore

A vedere questo rinascere per la strada d'amore

Per la vita, mentre tutto muore!

E veloci come saette, maglietta gialla,

O verde o rossa, pantaloncini strappati,

Hanno come loro casa la piazza bella calda

Per il sole che bacia gli occhietti spalancati...

Panf! E' arrivato un pallone proprio sul naso!

E' un pallone innocente. Prendi e taci.

 

CUCINA IN PIAZZA

 

All'esterno di una porticina c' un fornello

Che fuma, crepita, canta, manda odore,

Un odore che...va s sino al cervello

Facendoti venire una fame da suonatore!

E l ci sono, belli belli, cinque pesciolini contati

Che cuociono sotto il sole tra i loro vapori...

Nella stanza scura come un porcile

Cinque affamati attendono di far loro onore.

Povera gente che non ha aria in casa,

Ha quanto mai invece aria per la strada,

Ma anche questa stretta, non c' niente da fare!

Case misere, e chiese monumentali,

Popolo stretto nei sassi, Signore nella superbia...

ma Lui non l'ha certo voluto questo divario!

 

FIGLIOLANZA

 

Tutti gridano, chiaccherano in dialetto,

Un linguaggio che a capirlo un terno al lotto.

Per bello e a me fa l'effetto

Di un grappino mandato gi dopo un biscotto!

Sei contento perch questo parlare schietto,

Anche se in fondo non hai capito niente

E' una parlata popolare, chiara, perfetta,

E' la parlata dei loro vecchi, puri, sempliciotti.

Entro in un cortile, trovo una sposa

Incinta, e vado a chiedere

Se aspetta un maschietto o una bimba.

E lei in una maniera tutta da ammirare:

Ne ho otto assortiti, e via, pazienza,

Prendo ci che mi d la Provvidenza!

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)