La Madonna de la Zerioeula (Augusto Banfi)  

 

Testo originale Traduzione letterale 

La Madonna de la Zerioeula

 

 

 

La primma tegnoeula,

incoeu, a la bass'ora,

la fa la soa spoeula,

la gira... la sgora!

E semm dom al duu de febbrar...

ma in ciel gh' giam tanto ciar!

 

L' stada ona bella giornada

col s tutt el d sbarlusent

e insc le la s' dessedada

e adess, cont on f bicocchent,

la gira a distesa

intorna a la gesa

 

e al s campanin.

Che inverna! Che frecc!

Ma el s tevedin

el picca su i tecc...

Se sclden i copp e... anca lee,

che l'era sconduda in soree,

 

taccada a on travett per i pee,

la tira on bel fiaa... la sospira,

la drva i s oggitt... ghe n'ha assee...

la slarga on poo i al... je destira,

poeu, in barba al lunari,

la crda... per ari.

 

La colpa l' stada

sicur di pivion,

che l'hann descantada

coi s... sibizion:

schisciven l'accelerador

e andven in quarta... in amor!

 

Trusciven... sgonfiven el gss,

a spass su i scims de San Stven...

sguaitven, col f de baloss,

i fmen, che se l'intendven,

fasnd i simnn...

l'istess come... i donn!

 

Cercand l' occasion

de cores adre,

sbasi de passion,

su i tecc... su el pasque,

con mila morgninn e caprizzi,

per scond on fagtt de... malizzi!

 

Intanta la primma tegnoeula,

per colpa de tutt sti... ligra,

la crd, smm dom a la Zerioeula,

de vess giam ch in primavera!

Compagn de ona matta

la va... la sgoratta...

 

la birla, sta stra,

e, senza intenzion,

l' la... paroda

del voI de on rondon!

La primma tegnoeula stassira

la fa la rodanna... la gira

 

intorna a sto vcc campanin,

l' come ona frasca su el vent...

la crda... la vlta on cicin,

la par on parpaj sciabalent...

ma, comessessa,

l' on sfrs de poesa

 

nel ciel giam ciar...

L' on pgn di promss

del marz... in febbrar,

o, quel che l' istess,

l'impgn che ona rondena vera

la tornar ch in primavera!

 

La Madonna della Candelora  traduzione dell'Autore

(2 febbraio: la purificazione della Madonna o, meglio, la presentazione di Cristo al Tempio)

 

Il primo pipistrello

oggi nel pomeriggio

fa la sua spola.

Gira... svolazza!

E siamo solo al due di febbraio...

ma in cielo vi gi tanta luce!

 

stata una bella giornata

col sole tutto il giorno splendente

e cos lui si risvegliato

e adesso con aria barcollante

rotea a distesa

intorno alla chiesa

 

e al suo campanile.

Che inverno! Che freddo!

Ma il sole tiepiduccio

batte sui tetti...

si scaldano le tegole... e anche lui

che stava nascosto in solaio,

 

appeso a un travetto coi piedi,

tira un bel fiato... sospira,

apre i suoi occhietti... ne ha abbastanza...

allarga un po' le ali... le stiracchia,

poi, in barba al lunario

si abbandona... per aria.

 

La colpa stata

sicuramente dei piccioni,

che l'hanno sgranchito

con le loro... esibizioni:

schiacciavano l'acceleratore

e andavano in quarta... in amore!

 

Tronfiavano... gonfiavano il gozzo,

a spasso sulle cimase di San Stefano...

pedinavano con aria birichina,

le femmine che la sapevano lunga

facendo le smorfiose...

lo stesso come... le donne!

 

Cercando l'occasione

di rincorrersi

leziose di passione

sui tetti... sul sagrato,

con mille moine e capricci

per mascherare una faraggine... di malizie!

 

Intanto il primo pipistrello

per colpa di tutti questi... bighelloni

convinto, siamo soltanto alla Candelora,

di essere gi giunto in primavera.

Proprio come un matto

v... svolazza

 

si avvita, codesto stregone,

e senza intenzione

fa la parodia

del volo di un rondone!

La prima nottola stassera

fa la sua ruota... si aggira

 

attorno a questo vecchio campanile,

come una frasca sul vento...

tracolla... si volge un tantino

sembra una farfalla vacillante...

ma comecchessia

una lieve traccia di poesia

 

nel cielo gi luminoso...

un pegno di promessa

del marzo... in febbraio

o ci che conta

l'impegno che una rondine vera

ritorner qui in primavera!

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)