La poesia del bosch in d'ona pianta (Augusto Banfi)    

 

Testo originale Traduzione letterale 

La poesia del bosch in d'ona pianta!

 

Son chi denanz a la mia scrivania

e spegsci on quaderno. Se Dio voeur,

on quaj penser, scuma dessoravia

di regrd, el simonna cont el coeur,

poeu el va in sta scistra, dove tegni on poo

de tutt quell che me gira per el coo...

 

Foeura de la finestra on boff de vent

el sperluscia la rogora che gh'ho

nel m giardin... on vero monument

de ramm, de brocch, de ombra, quand gh' tropp s;

col vent le la cicciara e la me incanta...

e mi... cunti la storia de sta pianta.

 

EI m nonno, girand ona mattinna

de ottober per i piann, inanz e indre,

l'era rivaa giust a la Bergaminna ,

dove gh'era, in quell temp, on rogore:

on bosch de piant de scimma de quij bon...

Ma adess... hann treppa s finna... i moron!

 

Coi capiett di riciam e la sciguetta

l'andava a caccia cont i bacchetton

inves'cia, ona caccia quietta, quietta,

ma coi s batticoeur e i s emozion...

Me la regordi anm, che de bagaj

gh'avevi cattaa gust... in finna mai!

 

In quell d del vottcentnovantasett,

el nonno l'ha portaa, tornand a c,

fada s in d'on canton del fazzolett,

per la soa biadeghinna, de giug,

'na quaj gianda regoeujda a la mattinna

nel bosch de rogor de la Bergaminna .

 

Giubila bacchetton, cpi e sciguetta,

el nonno, profittand de l'occasion,

l'ha ciappa per 'na man la soa tosetta

e poeu... l'ha comenza la soa lezion,

sotterand ona gianda col zappin

arent a la murella del giardin...

 

E intanta el ghe diseva: Ch ch'insc,

l'ann che vn, trovarmm ona piantella

verda e menudra, fresca come ti,

on germoeuj... de ona rogora novella...

ma a pocch, a pocch, col s e con la braminna,

la cressar, sta pianta piscininna...

 

La cressar, a l'indritt, su sto terrn,

semper p a volt e semper pusse granda...

Te vdet... nun ghe voeurom giam ben,

anca se, per adess, l' anm ona gianda...

'Na gianda... ma on cicn de... fantasia

l' asse a f crss sta pianta toa e mia...

 

L' asse a tiralla granda... sora el tcc,

drizza e superba come ona reginna...

Mi... la vedaroo n, perch son vcc,

ma ti, che incoeu te see la soa madrinna,

te podart, pensand a mi, d'est

gden l'ombra per leg e ricam...

 

EI bosch de rogor de la Bergaminna

l', incoeu, dom on regord, forsi... on magon...

al s post... ona quaj scs de rubinna

la stramezza di piann... senza moron,

ma, in memoria de quell bel rogore,

gh' anm ona pianta... e l' restada in pe...

 

Sta pianta l' ona rogora maestra ,

drizza e superba come ona reginna,

e quand la guardi ch, da sta finestra,

pensi anm al nonno... a la mia sorellinna...

intrattant che on stornell o on passarin

el sgoratta dai brocch su el campanin...

 

In mezz ai ramm de sto m bell pianton,

santa memoria de la mia brasera,

se cmbien i color cont i stagion...

canten i usj, quand vn la primavera...

L' insc che mi ritroeuvi tutta quanta

la poesia del bosch... dent in sta pianta.

 

Hin passa sessant'ann... forsi de p

da quell d del vottcentnovantasett...

La mia sorella e el nonno... adess gh'hin p...

ma gh'hoo sta pianta che la me permett

de cicciar con lr... tutt i momnt...

Per sto mircol l' asse... on boff de vent...

La poesia del bosco in una pianta!  traduzione dell'Autore

 

Son qui davanti alla mia scrivania

e scarabocchio un quaderno. Se Dio vuole,

qualche pensiero, affiorato al di sopra

dei ricordi, lusinga il cuore,

poi finisce in questo fondaco, dove tengo un po'

di tutto quello che mi frulla per la mente...

 

Fuori dalla finestra un soffio di vento

scompiglia la quercia che ho

nel mio giardino... un vero monumento

di rami, di frasche, di ombra, quando il sole al colmo;

con il vento lei chiacchiera e mi incanta...

e io racconto la storia di questa pianta.

 

Il mio nonno, vagando una mattina

di ottobre per le campagne, avanti ed indietro,

era giunto per l'appunto alla Bergamina ,

dove c'era, a quei tempi, un querceto:

un bosco di alberi d'alto fusto, di quelli buoni...

Ma adesso... hanno estirpato perfin... i gelsi!

 

Con le gabbiette dei richiami e la civetta

andava a caccia con le panie

invischiate, una caccia calma, calma,

ma con i suoi batticuori e le sue emozioni...

Me la rammento anch'io, che da ragazzo

ci avevo preso passione... a non finire!

 

In quel giorno del milleottocentonovantasette,

il nonno, tornando a casa, ha portato,

involtata nell'angolo del fazzoletto,

per la sua nipotina, da giocare,

qualche ghianda, raccolta alla mattina

nel bosco di querce della Bergamina.

 

Rimesse a posto panie, gabbie e civetta,

il nonno, cogliendo l'occasione,

ha preso per la mano la sua bimbetta

e poi... ha dato inizio alla sua lezione,

sotterrando una ghianda col zappino

in vicinanza del muro di cinta del giardino...

 

Frattanto le diceva: Proprio qui

l'anno venturo, scopriremo una piantina

verde e minuta, fresca come te,

un germoglio... di una quercia novella...

ma poco a poco, col sole e l'acqueruggiola,

 crescer, questa pianta piccolina...

 

Crescer eretta su questo terreno,

sempre pi alta e sempre pi grande...

Vedi... noi le vogliamo di gi bene,

ancorch adesso sia solo una ghianda...

Una ghianda... ma un po' di... fantasia

basta a far crescere questa pianta tua e mia

 

sufficiente a elevarla... sopra il tetto,

dritta e superba come una regina...

lo... non la vedr, perch son vecchio,

ma tu, che oggi sei la sua madrina,

potrai, pensando a me, nella estate

goderne l'ombra per leggere e ricamare...

 

Il bosco di querce della Bergamina

oggi solo un ricordo, forse... un rimpianto...

al suo posto... qualche siepe di robinia

delimita dei campi... senza gelsi,

ma in memoria di quel bel querceto,

c' ancora una pianta... ed rimasta in piedi...

 

Questa pianta una rovere maestra ,

dritta e superba come una regina,

quando l'ammiro qui, dalla finestra

ripenso al Nonno... e alla mia sorellina...

nel mentre che uno storno o un passerotto

svolazzan dalle fronde al campanile...

 

Tra i rami della mia bella piantona,

santa memoria del mio focolare ,

si avvicendan le tinte con le stagioni...

gorgheggiano gli uccelli a primavera...

cos che ritrovo tutta quanta

la poesia del bosco... in questa pianta.

 

Son passati sessant'anni... ed anche pi

da quel giorno del milleottocentonovantasette...

il Nonno e mia sorella... ora son morti...

ma ho questa pianta che mi permette

di chiacchierar con loro... ogni momento...

per 'sto prodigio basta... un po' di vento...

 

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)