La stalla  (Giovanni Barrella)       

 

Testo originale Traduzione letterale 
 

Ol Pedar, l' l soll dent in la stalla
perch la vacca l'ha de f el vitell
e l'era gi d nott che per curalla
el pisoccva dentr'in del stabill
s on mucc de stramm de guardia 'me on giandarma,
pront a salt per ari al primm alarma

Quistion che con la bestia squasi pronta
ghe n'era capitaa de tutt i sort:
on fioeu malaa, dottor per c e de gionta
ol p de la soa donna l'eva mort
e, propri adess che gh'era el funeral,
la vacca pregna la marcava mal.

And 'dree al mort el se insognava nanca,
ma nanca slontanass on ciccinin:
...parch ol vedel evan danee a la banca!
Prima la manza e poeu salv ol buscn,
che se per mala sorta al gh'a moriva
evan di cart da mila che partiva...

Per quell l'era andaa a toeu duu prategonni
che staven l in la cort de la cassinna,
duu vecc famj, duu fior de vilanzonni,
vun grass 'me on porch e l'altr'ona sardinna,
che, con la scusa de curagh la vacca,
magnaven e beveven sempr'a mcca.

Ma propri in quel d l, vers i cinque or,
'penna quij duu hann sentij i campann de mort,
disend: ...ch'a gh'eva tempo on para d'or
credevan propi n da fagh intort
se al funaral, almen par sconvenienza,
gh'a 'nassen lor, par atto de presenza.

E ol Pedar l'ha dovuu lassaj and
e, restaa soll in stalla, el netta, el scova
tegnendo d'oeucc la bestia trada l
fin che le vd de colp spost la cova
e insc el se accorg de certi moviment,
che la perdeva l'acqua in quell moment.

El corr su l'uss, el ciama i duu massee
con tutt quell poo de fiaa che anm ghe resta,
el danna, el strilla, el vosa 'me on strascee,
e i duu, con s la mda de la festa,
comparen l bardaa fasend l'indian,
'me se capissen nient de quell baccan.

El Peder el ghe streppa gi i giachett,
je ruzza in stalla per sarai de dent,
e, come el vd che sponta gi i sciampett
e vestij insc avarisen faa on bell nient,
a furia de improperi e de sbutton
je obbliga a levass anca i calzon.

El Togn Scarliga, vun di duu famj,
restaa l in mudandon de palpignna
ligaa sott la caviggia coi bindj,
l'era camff col ms lungh ona spanna
pensando al funeral che andava via
senza el recicch del dopo a l'osteria.

Minga che l el ghe andass per devozion,
ma in di pas tucc vann, come se usa,
a compagn i poer mort finna al foppn
e insc quella per l l'era ona scusa
per poeu and in massa, dopo la fonzion,
a l'osteria a f pass el magon.

L'alter pajsan, che l'era on mezz paoltt
pien da timor da Dio da f peccaa,
trovandes l in mudanda squasi biott,
el s'era mettuu l come on scossaa
improvisaa cont on tocchell de tenda
che ghe quattava apenna la patenda.

El Peder n. L l'era in di s pagn:
on gipponn de lanna senza brasc,
in zoccora a p biott, bragh de fustagn
francaa sotta la piega del bottsc,
coi brasc vontaa de grass propi al moment
pront a dopr anca i man per rugagh dent.

E insc s'hinn miss a l'opera al complett:
el Pedr'in terra intant che i duu bosin
ghe lighen ona corda ai d sciampett
e tiren come matt el poer buscn
che a pocch, a pocch...a pocch el vd la ls
restand poeu l in scruscin, pondaa in sul ms.

La vacca liberada l' gi in pee,
ma come l' ligada a la cadenna
la voeur el s fiolin visin de lee
per lecall, per sugall e la st in penna,
la guarda indree, la seguita a mugg
e l el rispond 'm'el p per fass sent.

Poeu, tutt a on tratt, el cerca de drizzass,
el proeuva a st s in pee...ghe le f n!
Allora el slarga i gamb come on compass
per vess sicur de minga borl gi
e, dopo on poo, a furia de tent
l' giam in cs de moeuves e salt.

El v vers la soa mamma per usmalla,
poeu el truzza contra el pcc..., el voeur tett,
i duu lott lott se slisen de la stalla,
la vacca in pee la tacca a rumeg
e ol Peder l' content da penzagh p.

El mort l' ormai sott'terra...Esss per lu!
                    

 

Pietro solo nella stalla
perch la mucca deve partorire il vitello
ed erano gi due notti che, per curarla,
dormicchiava l dentro
sopra un mucchio di strame, di guardia come un gendarme,
pronto a saltar s al primo allarme

Solo che con la bestia quasi pronta
glien'erano capitate di tutti i colori:
un figlio malato, medici per casa e inoltre
era morto il pap di sua moglie
e, proprio ora che c'era il funerale,
la mucca incinta lo stava preoccupando.

Di seguire il morto non si sognava proprio,
ma nemmeno di allontanarsi per un po':
...perch il vederlo era denaro alla banca!
Prima la mucca e poi salvare il vitello,
che se per disgrazia gli moriva
erano biglietti da mille che partivano...

Per quello era andato a chiamare due praticoni
che abitavano l nel cortile della cascina,
due anziani lavoranti, due fior de rusticoni,
uno grasso come un maiale e l'altro una sardina,
che, con la scusa de curargli la mucca,
mangiavano e bevevano sempre a sbafo.

Ma proprio in quel giorno l, vers le cinque,
non appena sentito suonare le campane a morto,
dicendo: ...che ci sarebbero volute un paio d'ore
non pensavano di fargli un torto
se al funerale, almeno per salvare le apparenze,
fossero andati loro a fare atto di presenza.

E Pietro dovette lasciarli andare
e, rimasto solo nella stalla, pulisce, scopa,
tenendo d'occhio la bestia riversa
fin che improvvisamnete la vede spostare la coda
e cos si accorge di certi movimenti,
e che si erano rotte le acque.

Corre all'uscio, chiama i due fattori
con tutto quel po' dI fiato che ancora gli resta,
si agita, strilla, urla come uno straccivendolo,
e i due, con indosso l'abito della festa,
compaiono l bardati facendo finta
di non capire la ragione di quel baccano.

Pietro toglie loro le giacche,
li spinge nella stalla per chiuderveli dentro,
e, come vede spuntare fuori le zampette,
visto che cos vestiti non avrebbero fatto un bel niente,
a furia di improperi e spintoni
li obbliga a togliersi anche i pantaloni.

Tonio Scarliga, uno dei due,
rimasto l in mutande di pampignana
legate sotto la caviglia con delle fettucce,
era deluso, col muso lungo
pensando al funerale che si allontanava
senza il contentino del dopo in osteria.

Lui non ci andava per devozione,
ma nei paesi tutti vanno, come d'abitudine,
ad accompagnare i poveri morti fino al cimitero
e cos quella per lui era una scusa
per poi andare in compagnia, dopo la funzione,
all'osteria a far passare il dispiacere.

L'altro paesano, che era un po' bigotto,
nel timore di far peccato,
trovandosi l in mutande quasi nudo,
si era coperto con un grembiule
improvvisato con un pezzo di tenda
che gli copriva appena la parti basse.

Pietro n. Lui era nei propri panni:
una maglietta di lana senza maniche,
con gli zoccoli, a piedi nudi, calzoni di fustagno
allacciati sotto la piega del pancione,
con le braccia unte di grasso proprio al momento
pronto ad usare anche le mani per entrarci dentro.

E cos si misero all'opera al completo:
Pietro in terra, mentre i due bifolchi
legavano le due zampette con una corda
e tiravano come matti il povero vitello
che a poco a poco...a poco vede la luce
restando poi rannicchiato, appoggiato col muso.

La mucca liberata gi in piedi,
ma poich legata con la catena
vuole avere vicino il suo pargolo
per leccarlo, per asciugarlo e sta in pena,
guarda indietro, continua a muggire
e lui le risponde come pu per farsi sentire.

Poi,tutt'a un tratto, cerca di tirarsi su,
prova a star su in piedi...non ce la fa!
Allora allarga le gambe come un compasso
per essere certo di non cadere
e, dopo un po', a furia di tentare
gi in grado di muoversi e saltare.

Va verso la sua mamma per fiutarla,
poi si da da fare attorno alla mammella...vuol succhiare,
i due disoppiatto lasciano la stalla,
la mucca in piedi comincia a ruminare
e Pietro lieti di essersi tolto il pensiero.

Il defunto ormai sotterrato...Dio lo benedica

bottsc pancione
buscn  vitello
camff  smorfiato, deluso
cs (vess in cs) essere in grado
famj  mungitore, lavorante in un'azienda agricola, grossolano
foppn  cimitero
gipponn maglietta
macca (a macca) a sbafo
massee fattore, massaro
mda  vestito
palpignna  cotone felpato
paoltt bigotto
pcc mammella
pisoccva dormicchiava
recicch (recicchin) aggiunta, piccolo soprappi, richiamo, rintocco
rumeg ruminare
ruzza  spinge 
scruscin rannicchiato, ginocchioni
slisen (se slisen) spariscono alla chetichella
stabill stalla, porcile, ovile

Commento

 La poesia (scritta negli ultimi anni di vita) nel dialetto della provincia - quanto mai adatto al quadretto descritto e all'argomento trattato e rivela tutta la sensibilit dell'eclettico autore (attore-poeta-pittore). E nell'ansiet del Pedar (Pietro) di veder finalmente nascere il vitello non riesco a immaginare soltanto un interesse economico, ma mi pare di intuire anche un dolce sentimento nei confronti della sua mucca che partorisce, soffrendo, ma che subito, come una qualsiasi mamma, cerca con il suo piccolo un contatto affettivo, ricambiato.

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)