La "lauda" del panatton (Giovanni Barrella)
              Da: Poesie milanesi, Milano 1962                                                       

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

La "lauda" del panatton

 

Oh, bongiorno!...Leverissi...
Hinn content che son rivaa?
(Vaa che bestia?... m i stremissi...)
S, son m quell che ha parlaa!...
M!...ch' dent al scatolon...
Son m, sciori!...El panatton!

 

Ci...s...sveglia...descartmm,
che 'n poss p de vess saraa...
Su...fmm festa...saludmm
Domandmm come ho viaggiaa!...
ma s...cert...l' educazion,
se saluda el panatton!

 

Panatton l' quell amis,
che, s'el riva in d'ona c,
se anca el riva a l'improvvis,
al va accolt come on pasci!
Perch l l' bell, l' bon,
perch l l' 'l panatton!

 

L l' 'l re de l'alegria,
l l' 'l dolz de circostanza,
l' on bombon de compagnia
che ten viscor l'adunanza:
sempr'alegher, mai passion
in doa riva on panatton!

 

Senza m, non gh' Natal...
mi troo insemma la famiglia!
Quanti guai e quanti mal,
col suggell d'ona bottiglia,
l'ha giustaa in del moment bon,
on fettin de panatton!

 

Perch m son ben levaa...
Sott 'sta scorza on poo ruspanna,
color tonega de fraa,
m gh'hoo l'anima ambrosianna
che de foeura l' a la bonna,
ma de dent l' panattonna!

 

Pari sgnuzz...e son legger...
i m ughett, foeura hinn brusaa,
ma de dent hinn on butter
e indolsissen, col cedraa
ch'el profuma de limon
tutt el moll del panatton!

 

Son de pasta prelibada,
la mia crosta l' on portent,
se anca l' on ciccin brusada,
la d n fastidi ai dent!
Tutt de god...ven finna bon
i fregui del panatton!

 

E adess basta...hoo ditt assee!
'dess ch'emm faa la conoscenza,
tirmm foeura del palpee
che ve foo la riverenza,
Eccom...ch...in esposizion,
Sott...chi taja el panatton?

 

S...coragg...tocca a lee, sciora,
damm la prima cortellada...
Tocca a lee, come resgiora...!
'Na maninna delicada,
la rend dolza e la fa bon
fin la fin d'on panatton!

 

E, intant m, travers i ughett,
guardand tutt la compagnia,
faroo el cunt in quanti fett
spartirii l'anima mia.
S...coragg!...che mena bon
taj a fett el panatton!

 

Son squisito?...El soo anca m!
Mai mangiato de insc bon?
E, savii perch l' insc?
Perch sont el panatton,
on bombon de c, a la man,
che l' bon 'me 'l s Milan.

palpee            cartoccio
sgnuzz           pesante
vscor             vivace, sveglio

 

Lauda al panettone   (traduzione di Angelo Manzoni)

 

Oh, buongiorno! Riverisco

Contenti che sia arrivato?

(Oh che bestia! io li spavento)

S, sono io quello che ha parlato!

Io! qui dentro allo scatolone

Sono io, signori! Il panettone!

 

Forza su sveglia scartatemi,

che non ne posso pi di essere chiuso

su fatemi festa salutatemi

chiedetemi come ho viaggiato!

ma s certo educazione,

si saluta il panettone!

 

Panettone quell'amico,

che, se arriva in una casa,

se anche arriva all'improvviso,

va accolto come un pasci!

Perch lui bello, buono,

perch lui il panettone!

 

Lui il re dell'allegria,

lui il dolce di circostanza,

un dolciume di compagnia

che tiene allegri i convitati:

sempre allegria, mai tristezza

dove arriva un panettone!

 

Senza di me, non c' Natale

io unisco la famiglia!

Quanti guai e quanti mali,

col suggello di una bottiglia,

ha sistemato al momento giusto,

una fettina di panettone!

 

Perch io sono ben cresciuto

Sotto questa scorza un po' rustica,

color tonaca di frate,

io ho l'anima ambrosiana

che esteriormente alla buona,

ma dentro "panattona"!

 

Sembro pesante e sono leggero

le mie uvette, fuori sono bruciate,

ma dentro sono un burro

e addolciscono, col cedrato

che profuma di limone

tutta la mollica del panettone!

 

Sono di pasta prelibata,

la mia crosta un portento,

se anche un po' bruciata,

non disturba i denti!

Tutto da godere sono buone persino

le briciole del panettone!

 

E adesso basta ho detto abbastanza!

Ora che abbiamo fatto conoscenza,

tiratemi fuori dal cartoccio

che vi faccio la riverenza,

eccomi qui in esposizione,

forza chi taglia il panettone?

 

Su coraggio tocca a lei, signora,

darmi la prima coltellata

tocca a lei, come padrona di casa !

Una manina delicata,

rende dolce e fa buona

persino la fine di un panettone!

 

E, intanto io, attraverso le uvette,

guardando tutta la compagnia,

far il conto in quante fette

spartirete l'anima mia.

Su coraggio che porta buono

tagliare a fette il panettone!

 

Sono squisito? lo so anch'io!

Mai mangiato di cos buono?

E, sapete perch cos?

Perch sono il panettone,

un dolce di casa, alla mano,

che buono come il suo Milano

 

Commento

Il sig. Carlo Rosa, classe 1920, mi scrive oggi (6 marzo 2013) da Siena, quanto segue:

Ho conosciuto questa lauda del Panatton nel mese di Ottobre o Novembre del 1942, quando mi trovavo militare in Russia (eravamo a Taly, a circa 30 Km. dal Fronte (Fiume Don). Nella parte (piccola parte) toccata a me dai pacchi ricevuti dai milanesi  rammento solo questa Poesia (il  rimanente, forse, era tutto da mangiare, ma non lo ricordo) perch mi piacque e circa 25 anni fa andai al Circolo Filologico di Milano (ho abitato a Milano per quasi 18 anni, nel rione di Dergano, dal Settembre del 1926) dove una gentile Signora me ne fece avere una copia.   E se non mi sbaglio

questa Lauda di Giovanni Barrella (del quale ho altre poesie dialettali, acquistate nella Libreria di Via Meravigli; e del Barrella ricordo molto bene la sua interpretazione (milanesissima) in Felicita Colombo, con la grande Dina Galli, alla quale, purtroppo, proprio a Milano, hanno dedicato una modesta via che fa angolo con Via Farini.

Potrei dire altro, ma qui ho inteso solo parlare di questa Lauda che ogni tanto leggo, mentre ascolto, spesso e volentieri, tante e tante canzoni in dialetto (penso di avere tutte le migliori, cantate da quasi tutti i cantanti milanesi, o considerati tali, quale lalessandrina Milly); e grazie alla Milly ho anche diverse Filastrocche che sentivo quandero ragazzo.

Mi sono dilungato troppo? Se s, chiedo scusa. Con i pi cordiali saluti  Carlo Rosa Siena"

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)