Primavera (Giovanni Barrella) 

Testo originale Traduzione letterale

 

Vilan...prepara i boeu!... E' finii de pioeuv,
te speccia la sciloria in la campagna,
pientada in del terren che gh' de smoeuv.
Torna el bel temp, se s'ciara la montagna,
e, in l'aria netta, che la par lavada
compar el s!...Comincia la giornada.

Va innanz...scasciga i boeu che gh'hann la fiacca
e la toa strada f, che te pertocca.
Saluda el Togn postin cont ona pacca,
dagh 'na rugada al bgol, dentr'in bocca
e guarda la campagna masarada,
che la sberlusa al sol, imbrillantada!

La terra, la par l mezz'indormenta,
ma l' tutta on surbuj, tutta on germoeuj.
L' negra, lustra, prgna...invernighenta.
L, in mezz al praa, giam spontaa el trifoeuj,
e, in fond, tra 'l verd de l'erba, el ravetton,
el sbatt di pennelad de giald limon.

Sui pobbi, trema i primm foeujett d'argent,
sui scs, gh' giam verd tutt el sambugh,
sui riv, sponta i violett a cent, a cent,
sui piant, i gemm bauscen pien de sugh,
e spetten dom el s, dom el calor,
per spar foeura verd a tutt i r.

In ciel v s ona lodola a sgolass
incontra al sl, e la se perd, man man...
'Na rondina la vola gi, bass bass...
Canta el coc in di bosch, lontan lontan
e ona ranetta verda, per la voeuja,
la s'cippa de cant, sora ona foeuja.

La canta la ranetta innamorada
la soa canzon d'amor...Rispond el gr...
poeu tacca el merlo a dagh 'na ziffolada...
On r de sces el passa e el f cr-cri,
e, on vitellin de latt, dent in la stalla,
el salta sui s p, come ona balla.

Ecco el t loeugh, vilan, coi s moron,
in fila drizz, 'me tanti soldaritt.
Ch, te de ar, per mett el formenton...
V innanz, oh, tira boeu, oh, tira dritt!...
Sprofonda dent i pee in la terra nera,
bisogna dagh adree. L' primavera!

L' primavera, bella, che la riva
cont el profumm di bosch... coi s gr-gr,
col fresch di fontanitt d'acqua sorgiva...
L' primavera che se f sent
con quell'odor de vitta e terra grassa
che ven, portaa dal vent, s de la bassa.

El ferr el v gi stta...el sfonda dent...
la terra la se slabbra e la corr via
come f l'acqua, stta al bastiment...
I boeu donden la testa in compagnia
e vann s e gi, tran-tran, finna a la sera,
tant lor la senten n la primavera...

Ma la cavalla, sotta al biroccin
che passa in s la strada incatramada,
la gh'ha come quajcssa in del crappin...
La sgroppa, la sguagniss...l' infolarmada,
la f de matt...la gh'ha l'umor cattiv,
par che la gh'abbia adoss l'argento viv...

Ma i galettitt, su l'era, fann la guerra...
Quajcssa ghe comanda de inzigass...
se curen in di oeucc, tutt terra terra
poeu, scatten come mll...voeuren picass,
e i passaritt, sul tecc, in passerera,
hinn in ferment anlor...l' primavera!

Finna l'asnin ligaa dedree al restell,
l' smrbi...irrequiett...el picca, el tr,
el gh'ha anca l on quajcoss, tra pell e pell,
el fa di vers de l'ira...el voeur cant...
Cert! El saluda anl, a la soa manra,
el sol, la vitta, el ciel...La primavera!

Canta anca t, o villan...s bell...dagh dent...
La terra la se slabbra e la corr via,
come f l'acqua, stta al bastiment...
i boeu donden la testa in compagnia,
e vann s e gi, tran tran, finna a la sera,
tant lor, la senten n, la primavera...

Ma, intorna a lor, dal pian, finna ai montagn,
per i rv, per i scs, per i scarpad,
in di bosch, per i praa, per i campagn,
in del brugh, in la tppa, in di gabbad,
l' tutt on moviment...on gibilleri,
on incrosass de vs, pien de misteri.

L' tutt on trepil che giuga sotta,
e par ch'el vegna s, fin di rads...
l' on nonsoch per l'aria...l' on nagota,
che de la terra el monta in Paradis...
l' on'emozion, l' on brivid...l' on torment,
'na sofferenza, on mond...l' tutt, l' nient...

L' on'onda, che te innonda d'acqua ciara,
l' on boff, on vent, ona tempesta, on tron,
l' on sfrs, on sghiribizz...l' ona fanfara,
l' 'l sn de festa de on gran campanon
ch'el batt e ch'el ribatt, a tutt i or:
Amor, amor...Amor, amor, amor!

L'Ave Maria!... 'me tarda a vegn sera!
La s' incantada anlee...L' Primavera!

bgol                 fondo della pipa o del sigaro(che si masticava)
crappin              testolina
gibilleri              giubileo (qui: agitazione)
invernighenta     infocata (qui: ribollente)
inzigass              stuzzicarsi
loeugh                podere
restell                 cancello
scascig             pungolare
sciloria               aratro
sguagniss           mugola

 

Villano, prepara i buoi. Ha finito di piovere,
ti attende l'aratro nel campo,
piantato nel terreno che devi smuovere.
Torna il bel tempo, si rischiara la montagna
e nell'aria tersa, che sembra sia stata lavata
compare il sole: incomincia la giornata.

Va innanzi, pungola i buoi che battono la fiacca,
e fa la strada che ti tocca fare...
Saluta l'Antonio, portalettere, con una amichevole manata,
d una rimestata al forno della pipa che tieni in bocca,
e guarda la campagna rorida d'acqua,
che luccica al sole, quasi fosse tempestata di brillanti.

La terra sembra quasi addormentata,
ma tutta un fermento, tutta un germoglio.
E' nera, lucida, gravida, ribollente.
L, in mezzo ai prati, gi spuntato il trifoglio,
e, sul fondo, tra il verde dell'erba, il ravizzone,
sbatte pennellate di giallo limone.

Sui pioppi tremano le prime foglioline d'argento,
sulle siepi gi verde il sambuco,
sulle scarpate, spuntano le violette, a cento a cento,
sulle piante le gemme fanno bava piene di succo,
e non aspettano che sole e calore,
per sparar fuori verde ogni momento.

In cielo sale un'allodola a sgolarsi
incontro al sole, e scompare nell'azzurro.
Una rondine vola rasente al suolo...
Canta il cuculo nei boschi lontani,
e una raganella per la voglia,
scoppia dal cantare sopra una foglia.

Canta la ranetta innamorata
la sua canzone d'amore...Risponde il grillo...
poi comincia il merlo a fare una fischiata...
Uno scricciolo passa e fa il suo verso,
e un vitellino di latte, dentro la stalla,
salta sui suoi piedi, come una palla.

Ecco il tuo campo, villano... Coi suoi gelsi
in fila, dritti, come tanti soldatini.
Qui devi arare per seminare il granoturco.
Avanti, tira bue, tira dritto!...
Affonda i piedi nella terra nera,
bisogna far presto. E' primavera!

E' la primavera bella, che arriva
col profumo dei boschi... coi suoi grilli,
col fresco dei fontanili d'acqua sorgente...
E' primavera che si fa sentire
con quell'odor di vita e terra grassa
che viene, portato dal vento, su, dalla Bassa.

Il ferrto va gi, sotto, e sfonda il terreno...
La terra si slabbra e corre via
come fa l'acqua sotto il bastimento...
I buoi dondolano la testa in compagnia
e vanno su e gi, placidamente, fino alla sera,
tanto loro non la sentono la primavera.

Ma la cavalla, sotto al barroccino
che passa sulla strada asfaltata,
ha come qualcosa nella testolina...
Sprizza schiuma, nitrisce lamentosamente, eccitatissima,
fa la matta, di cattivo umore,
sembra abbia addosso l'argento vivo...

Ma i galletti, sull'aia, fanno la guerra!
Qualcosa comanda loro di stuzzicarsi...
si fissano negli occhi, terra terra,
poi scattano come molle...vogliono litigare,
e i passeri, sul tetto, in passeraia,
sono in fermento anche loro... primavera!

Perfino l'asinello, legato dietro al cancello,
ringalluzzito, irrequieto...spara calci,
ha anche lui qualcosa tra pelle e pelle,
fa versi dell'altro mondo...vuol cantare...
Certamente! Saluta anche lui, alla sua maniera,
il sole, la vita, il cielo...La primavera!

Canta pure tu, villano...Dacci dentro...
La terra si slabbra e corre via,
come fa l'acqua, sotto il bastimento...
I buoi dondolano la testa in compagnia,
e vanno su e gi, placidamente, fino alla sera,
tanto loro non la sentono la primavera...

Ma intorno a loro, dal piano alle montagne,
per le rive, per le siepi, per i pendii,
nei boschi, nei prati, per le campagne,
nella brughiera, fra il muschio, nei filari d'alberi,
tutto un movimernto....un'agitazione morbosa,
un incrociarsi di voci, pieno di mistero.

E' tutta una trepidazione che gioca sotto,
e pare affiori dalle radici...
E' un non so che nell'aria, un niente
che dalla terra sale in Paradiso...
E' un'emozione, un brivido... un tormento,
una sofferenza, un mondo...E' tutto e niente!

E' un onda che ti innonda d'acqua chiara,
un soffio di vento, una tempesta, un tuono;
una scintilla, un ghiribizzo... una fanfara,
il suonare a festa di una grande campana
che batte e che ribatte a tutte le ore:
Amore, amore, amore...Amore, amore, amore!

L'Ave Maria!.. Come tarda a venire la sera!
Si attardata, estatica, anche lei...E' primavera!

Commento

La poesia del 1933
Questa lirica piace tanto a nonna Giuse perch "descrive cos bene la vita rurale di una volta" e lei "si rivede in quel mondo!"

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)