da "I trii partii in Italia" (Camillo Cima)   

 

Testo originale Traduzione

 

Se discuteva on dý sui pocch speranz
Che s'abbia de fený de tribulÓ,
Per via che ogni tratt se fann innanz
di partii noeuv, politich, a seccÓ.

Monarchich e covin ghe n'Ŕ d'avanz:
Poeu ven i repubblican tant per cambiÓ;
Poeu i socialista de divŔrs nuanz
Papista e comunard per sigillÓ.

E on tal, scaldaa, el vosava: źAvii capii
Che vemm tucc a fený in del cagaratt,
Con sta pocca missolta de partii?╗

źOh giust! - salta s¨ on tizzi, on resiatt -
Partii in Italia non ghe n'Ŕ che trii!
Vorrii savŔj?: asen, baloss e matt!╗

 

Commento

Il presente sonetto Ŕ datato 1884 ed appartiene al padre di Corradino Cima, che con questo intendeva criticare il proliferare dei partiti.

Invia i t˛ penser, i t˛ emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)