Te se regordet?! (Renarto Duroni)                                            

 

Testo originale Traduzione

 

Te se regordet?!

 

Te se rigordet voj la mia biscin...

 

Se semm fermaa

l sora el pont de Gorla a toeu el sorbett

gh'era on bordell de gent, vestii d'estaa

che disnava a l'albergo del Boschtt

 

Mi gni tant carezzava la toa man

quell bel manin strengiuu in di guant de pell

ti, intant, che te guardavet vers Milan

te me cercavet el second pontell.

 

L'era ona fsta, l'era ona legria

per tutt quell stradon bianch cont i piantnn.

Mi cantava e rideva; e ti Sofia

tutt el stradon te parlaa mal di dnn.

 

L' passaa on ann.. N'hoo faa di bej piangiud,

per i contrad de sira de per m,

quand te m'hee scritt vosandem, nud e crud

de fermatt p... che gh'era gi el mar!

 

L'altrer, tornand a Sest, me sont fermaa

l sora al Pont de Grla a toeu on sorbett

e stta a solasciass cald e sfacciaa

l'era desrt l'Albergo del Boschett...

 

L'era ona noia e ona malinconia

per tutt quell stradon bianch con quij piantnn.

S'era invers; e pensand a t, Sofia!

s'era m soll... a pens mal di dnn!...

 

Commento

Il poeta canta qui, ricordando il "ritrovo rusticano" del boschetto di Gorla e del suo laghetto, la tristezza del suo cuore, mentre scende la sera, con le sue ombre e i suoi ricordi e si accende la lampada anche nella vecchia Osteria del Boschetto.

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)