Renato Duroni

   Han vursuu famm el ritratt e l'ho accettaa.

   e l'han fa gi in duu e duu fan quatter:

   me pareva che el fus propi adattaa,

   che col librett el fus propi in caratter.

 

   Ona specie de avis per chi voeur legg

   e istess temp ona scusa per chi ha scritt,

   come on salvacondott che me protegg

   se anca mi ho commess el me delitt:

   on giudizi che al pubblic el ghe garba:

   dal principi alla fin oh! Ciel, che barba!

  

   (testo autobiografico e caricatura di Ghea)

 

 

Profilo biografico Opere

 

Di questo poeta per il momento so soltanto che esisteva una sua raccolta di poesie vernacolari del 1929 edita dalla Tipografia de La Gazzetta dello Sport.

 

E che quella che troverete sotto "altre liriche" l'unica poesia che ho finora trovato su un testo di Luigi Medici e che vuole ricordare la "romantica oasi di colori e di silenzi" che era "El boschtt de Gorla" col suo laghetto, il Naviglio della Martesana e la famosa Osteria del Boschetto, meta romantica di coppie innamorate.

 

Nel frattempo il suddetto libretto l'ho trovato presso un antiquario. Si tratta di Sora el Regolament stradal...e alter piccol robbett. Leggendolo credo di aver capito che l'Autore nel 1929 lavorava presso la Gazzetta dello Sport di Milano. Lo capirete anche voi leggendo la poesia Dopo lavoro allo Stelvio.

 

E da una ulteriore ricerca di materiale ho anche trovato che Renato Duroni fu paroliere di canzoni popolari: dialettali e in lingua.

Scritti sull'Autore

 

POEMETTI

SONETTI

ALTRE LIRICHE
Carrozz a drizza e chi va a pee per contra
Dopo Lavoro allo Stelvio

Te se regordet?!

BOSINATE
Il decalogo della strada
Sora el Regolament stradal