L'amor (Enrico Bertini)      
     

Testo originale Traduzione  

 

L'amor

 

"Dimmel t, nnno; cosa l' l'amor?"
la me fa la mia bella nevodina
de trdes ann, on bottonin de fior,
l l per derviss foeura a la mattina.
Cos'avarissov faa?... Poer scigolin!

 

L'hoo missa in scss e gh'hoo pondaa on basin.
Ma l la segutta : " Presempi, i gatt,
quand fann sui tecc qui diavoj de versari,
fann a l'amor, mordndes come matt,
sgraffignandes, mandand el pel per ari? "
 "Oh Dio!... se ved che, quand gh'hann nient de f,
vann suj tecc e se sfghen a mogn!..."

 

" E quand vdom suj piant i passaritt
corress adree, beccass mattina e sera
e cercass col becchin per f i basitt,
fann a l'amor, scherzand a sta manera?... "
" Ma gi...cosa te voeuret?... disen che lor...
quand fann insci, l' segn che fann l'amor... "

 

" E i men, com'el fann, che m hoo leggiuu
tanti vlt che l'amor l' una delizia;
che proppi L, el Signor, el m'ha voruu
d com'on segn special de gran amicizia;
se sgraffignen an'lor com'i miscitt,
o se basen istess di passaritt?

 

(La se fa spessa, hoo ditt in tra de m).
" Cara... te vedet? podi n spiegatt...
Gh' di vlt che se mtten a cipp
com'i passer, di vlt fann com'i gatt...
Insomma, lor, segond el vent che tira,
se dann o di basitt, o btt de lira ".

 

" Ma va un poo, nnno, che l' minga insc!
T te me cuntet su di gran fandoni..
Allora, te diroo ch'el soo mej m,
che m, hoo leggiuu on sonett per matrimoni
indoe gh' prppi scritt, prppi stampaa,
che l'amor l' ona gran felicitaa ".

 

M, vedend che se invivem. puttost mal,
hoo ciappaa l a la svelta el m partii
e hoo pensaa : "ch l' mej, per via official,
s'ciariggh i idej, e, quand i avr s'ciarii,
m, forse, avaroo faa ona bna azion,
e lee la slargar i s cognizion.

 

Sent, la mia tosa, e cerca de capimm :
al mond gh' el caff Franck e gh' el caff;
te pias pussee el segond o pussee el primm ? "
" El caff, diavol el caff; perch ? "
" L'amor, te vdet, l' ona certa stria
che la p vess del caff... o della cicoria.

 

Quell che tutti, insc tanto facilment
come s'el fuss nagtt, ciamen amor,
l' minga amor, l' on certo ingredient
che l'ha mettuu a sto mond el nst Signor
per f che manca n di bej fiolitt
e da i oeuv salten foeura i poresitt.

 

Ma el vero amor, quell tal, quell insc faa,
l' rar pussee che ne ona mosca bianca;
pcch, al mond, pden d d'avell provaa.
Di vlt el nass che nun se accrgiom nanca,
e el nass sempre, sta qualit de amor,
minga su l'allegria, ma sul dolor.

 

Tutt'i rbb pussee grand e pussee bej,
in confront del segrtt che te gh'hee in coeur
te parirann di rbb che var cinqu ghej;
e l' istess tal e qual de on dent che doeur:
con pussee t te crchet de schivall,
la lingua con pussee la va a toccall.

 

Te sentet in del coeur com'on cortell
ch'el te strascia, el te squarta, el te fa mal,
e p el te fa pat, p el te par bell!
E per quella persna... quella tal,
te piasariss mor, fass taj a tcch...
Mor ona vlta sola l' trpp pcch!

 

De d, de ntt, te vedartt qui oeucc,
quella bocca, qui laver, qui faritt...
E de per t te andartt gi in genoeucc
cont i man in orazion vers el sofftt,
disend : " Signor, ajtem, tas...
dill a nissun, ma damm on poo de pas!... "

 

" Nnno, te pinget, te gh'hee i oeucc bagnaa!
Quell'amor insc faa ch'hee-te ditt adess,
scommetti che anca t te l'hee provaa... "
"M?! ma se sont allegher com'on pess?!.
Ah! ah! che rid, che rid, che rid che femm!...
Ven ch, tesor, ven ch... ridemm, ridemm!"

 

L'amore

 

Dimmelo tu, nonno, che cos' lamore?

mi chiede la mia bella nipotina

di tredici anni, un bocciolo di fiore,

l l per aprirsi alla mattina.

Cosa avreste fatto?... povera piccolina!

 

Lho presa in braccio e le ho dato un bacio.

Ma lei continua: Per esempio, i gatti,

quando fanno sui tetti quei diavolo di versacci,

fanno allamore, mordendosi come matti,

graffiandosi, mandando il pelo per aria?

Oh Dio!... si vede che, quando non hanno niente da fare,

vanno sui tetti e si sfogano a miagolare!...

 

E quando vediamo sulle piante i passerotti

rincorrersi, beccarsi mattina e sera

e cercarsi col beccuccio per farsi i bacini,

fanno allamore, scherzando in questo modo?...

Ma gi cosa vuoi?... dicono che loro

quando fanno cos, segno che fanno allamore

 

E gli uomini, come lo fanno, io ho letto

tante volte che lamore una delizia;

che proprio Lui, il Signore, ci ha voluto

dare come un segno speciale di grande amicizia;

si graffiano anche loro come i  micetti,

o si baciano come i passerotti?

 

(Si fa pesante, ho detto tra m e m).

Cara vedi? Non posso spiegarti

Talvolta si mettono a cinguettare

come i passeri, a volte come i gatti

insomma, loro secondo il vento che tira,

si danno o bacetti, o botte da orbi.

 

Ma va un po, nonno, non cos!

Tu mi racconti delle gran fandonie..

Allora, ti dir che lo so meglio io,

che ho letto un sonetto per matrimoni

dove c' proprio scritto, proprio stampato,

che lamore una gran felicit.

 

Io, vedendo che ci si avviava piuttosto male,

ho preso velocemente posizione

e ho pensato:Qui meglio, in modo ufficiale,

schiarirle le idee, e, quando le avr chiare,

io, forse, avr fatto una buona azione,

e lei amplier le sue conoscenze.

 

Senti, bambina mia, e cerca di capirmi:

al mondo c il caff Franck e c il caff;

ti piace pi il secondo o il primo?

Il caff, diavolo, il caff; perch?

Lamore, vedi, una certa storia

che pu essere del caff o della cicoria.

 

Quello che tutti, cos tanto facilmente

come se niente fosse, chiamano amore,

non amore, un certo ingrediente

che ha messo a questo mondo nostro Signore

affinch non manchino dei bei bambini

e dalle uova saltino fuori i pulcini.

 

Ma il vero amore, quel tale, siffatto,

raro pi di una mosca bianca;

pochi, al mondo, possono dire di averlo provato.

A volte nasce che noi non ce ne accorgiamo neppure,

e nasce sempre, questa qualit di amore,

non sullallegria, ma sul dolore.

 

Tutte le cose pi grandi e pi belle,

in confronto al segreto che hai nel cuore

ti sembreranno cose di poco conto;

ed tal quale a un dente che duole:

pi tu cerchi di schivarlo,

pi la lingua  lo va a toccare.

 

Senti nel cuore come un coltello

che ti lacera, ti squarta, ti fa male,

e pi ti fa soffrire, pi ti sembra bello!

E per quella persona quella tale,

ti piacerebbe morire, farti tagliare a pezzi

morire una volta sola troppo poco!

 

Di giorno, di notte, vedrai quegli occhi,

quella bocca, quelle labbra, quelle movenze

e da sola ti metterai in ginocchio

con le mani in preghiera verso il soffitto,

dicendo:  Signore, aiutami, taci

non dirlo a nessuno, ma dammi un po di pace!...

 

Nonno, tu piangi, hai gli occhi umidi!

Quellamore come quello che hai spiegato adesso,

scommetto che anche tu lhai provato

Io?!... ma se sono allegro come un pesce?!

Ah! Ah! Che ridere, che ridere, che ridere

Vieni qui, tesoro, vieni qui ridiamo, ridiamo!

Commento

Un nonno affettuoso e la nipotina che ha in lui una fiducia cieca, tanto da porgli le domande pi intime e imbarazzanti che esigono una risposta chiara....il nonno tergiversa, gli trema la voce e il cuore... e prendendo come esempio la natura e addirittura il caff e il suo surrogato (io me lo ricordo bene il vero Franck!) cerca di dire e non dire... il segreto dell'amore.
E' una lirica tenera e intensissima! Il nonno termina la lezione sull'amore con una finta allegra per scacciare la malinconia del ricordo dei tempi felici!. (Ma oggigiorno sarebbero le nipotine tredicenni ad insegnare ai nonni i segreti dell'amore).

Questa volta il commento della saggia Nonna Giuse, la quale mi ha gentilmente passato questa splendida poesia.

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)