November (Enrico Bertini)                      

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

November

 

Quand par fina ch' el s el sia malaa,

ch'el mond el dorma invers e immotriaa

dent in d'on bagn de nebbia umid e gris;

e basta on brutt pensr, on pel, on sfris,

 

on nient per famm and desravia

el caldaron della malinconia;

quand sntom che me basta ona ciallada

per regalam on fior d'on'inversada,

 

e el coraman di scal l' tutt sudaa...

e in tavola el salin l' masaraa...

e Milan l' tutt pien de sancarlitt...

e a Musocch vnden vas cont s i crositt;

 

quand a and in strada gh'hee-t adree l'ombrella

ma te la dervet nanca, perch...oh bella!...

El pioeuv s o no?...Mah! La ven gi tant fina

che smm n se l' acqua o nebbiolina...

 

l' inutil che te gurdet l'almanacch,

smm in November. L'ann l' giam stracch,

de mes de viv ghe n'avanza dom vun...

e el me tacca la gngnera anca a nun!

  

Novembre

 

Quando sembra persino che il sole sia ammalato,

che il mondo dorma inquieto ed accigliato

in un bagno di nebbia umida e grigia;

ed sufficiente un cattivo pensiero, un'inezia, uno screzio,

 

un niente per far traboccare

il pentolone della malinconia;

quando sentiamo che basta una sciocchezza

per regalarci un fior d arrabbiatura,

 

ed il corrimano delle scale tutto sudato                                     

ed in tavola il salino fradicio

e Milano tutta piena di sancarlini

e a Musocco vendono vasi con sopra le croci;

 

quando, andando per strada porti con te lombrello

ma non lo apri, perch oh bella!

Piove s o no? Mah! Scende tanto leggera

che non sappiamo se acqua o nebbiolina

 

inutile guardare il calendario,

siamo a Novembre. Lanno gi stanco,

di mesi da vivere ne manca solo uno

ed anche noi siam presi da un senso di malessere!

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)