I prla fals (Franca Brambilla)       

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

I prla fals

 

"Chi mai stette in pace
ora ha trovato pace"

 

Vorariss che sti parll
vegnissen scritt
su la mia preja
al cimiteri.
Ogni d
sta mania
de vess, de f:
gni sira
el torment,
el cruzzi
d'ona perla falsa
infilada
in la collana de la vita.
De semper
la bria d'av capii on quajcss
de sto viv...
De semper
el sentor
de n faghela.
I ricrd striaa
di moment pussee bej
spanteghen
'me ona polver dorada
su i m penser.
Ma se foo tant
de vor fai viv
cont i parll,
me par de sperl el Dmm a scur
al cir d'on solfanell.
Ma quand,
cont i man che trma,
rugatti
in quell remissell ingarbiaa
che l' el viv,
per cavann-foeura
on moment de ps,
e troeuvi on granell de fd
per crd anm in la gent,
e troeuvi on barlumm d'amor
per voregh ben anm a la gent,
e troeuvi che se po' sper
anm in la gent,
ecco,
hinn quej i moment pussee bej,
anca se i man tremen anm,
me par allora,
de vess ona stella che brilla,
anca se la lus
l' la toa,
Signor,
che sacrosanta fadiga credet!

 

Le perle false

 

Chi mai stette in pace

 ora ha trovato pace

 

Vorrei che queste parole

venissero scritte

sulla mia lapide

al cimitero.

Ogni giorno

questa mania

di essere, di fare:

ogni sera

il tormento,

il cruccio

di una perla falsa

infilata

nella collana della vita.

Da sempre

la boria di aver capito qualcosa

di questo vivere

Da sempre

Il sentore

di non farcela.

I ricordi stregati

dei momenti pi belli

spargono

come una polvere dorata

sui miei pensieri.

Ma se faccio tanto

per volerli far vivere

con le parole,

mi pare di rimirare il Duomo al buio

al chiarore di un fiammifero.

Ma quando,

con le mani che tremano,

frugo

in quel gomitolo ingarbugliato

che il vivere,

per trarne fuori

un momento di pace,

e trovo un granello di fede

per credere ancora nella gente,

e trovo un barlume damore

per voler ancora bene alla gente,

e trovo che si pu sperare

ancora nella gente,

ecco,

sono quelli i momenti pi belli,

anche se le mani tremano ancora,

mi pare allora,

di essere una stella che brilla,

anche se la luce

la tua,

Signore,

che sacrosanta fatica crederti!

Commento

Premio "Esagono" 1980, terza classificata.

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)