Contrada veggia (Gianlorenzo Garavaglia) 

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Contrada veggia

 

On streccioeu...
Quatter meter fra i mur muff
che rampeghen in alt
vers el soo,
lassand l'ombria in bass.
Camuff,
in mezz ai sass,
el perg˛tta el s˛ marscior
on poccigh.
Da on baltreschin
ona veggia giangiana,
mezza sborlada foeura,
sui spall on sciall de lana,
la fa el gognin
ai p˛cch quajo che passa.
A on ci˛d d'ona persiana
ona gabbia e on canarin.
De s˛tt a ona portascia
el picca on sciavattin,
cantand l'Aida.
La scappa via 'na sciana
tutta stremida.
P˛cch strasc e duu lenzoeu
e l'aria che je suga
e gi˛ fra la moiascia
tri pattanitt che giuga.

 

Vecchia contrada

 

Un vicoletto..

quattro metri tra i muri ammuffiti

che si arrampicano in alto

verso il sole,

lasciando l'ombra in basso.

Mascherata,

fra i sassi,

emana la sua umiditÓ

una pozzanghera fangosa.

Da un terrazzino

una vecchia popolana,

mezza svestita,

sulle spalle uno scialle di lana,

strizza l'occhio

ai pochi babbei che passano.

A un chiodo di una persiana

una gabbia e un canarino.

Sotto una portaccia

batte un ciabattino,

cantando l'Aida.

Scappa via una gatta

tutta spaurita.

Pochi stracci e due lenzuola

e l'aria che li asciuga

e gi¨ tra il fango

tre bimbetti che giocano.

Commento

 

Invia i t˛ penser, i t˛ emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)