Da l'ombra al soo (Edoardo Gelatti)    

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Da l'ombra al soo

 

Passavi arent  al Dom, l'altra mattina,

e hoo pensaa de and dent a d on' oggiada.

De foeura, on gran fracass; ma in la navada

immensa, tra i colonn ertegh,  maestos,

chi parlava el parlava a bassa vos

          e, in de l'and s e gi, quella mattina,

          fin i m pass gh'aveven la sordina.

 

M ghe guardavi ai quader, ai scoltur,

ai lapid, dai parol che intendi pocch...

El latin m el capissi... on tant al tocch

sicch podevi n 'veggh la pretesa

de leggel propri in l'ombra de la gesa,

          dove i quader, i lapid, i scultur,

          giugaven tucc a scondes, in del scur!

 

In quel scur che, s in alt, l' pussee intens

e el fa par i contorni on poo nebbiaa;

in alt, dove i pilaster sagomaa

faa su dai nost maister Campiones

ponten su i volt, per sostegnin el pes,

         propri l, dove el scur l' pussee intens

         causa el fum di candel e de l'incens.

 

La penombra del Dom la suggeriss

i penser... i proposit... i rimpiant...

Certi rob, che ne paren important

quand se sperlen  dom  con la Reson,

cambien, ch dent, la forma e i dimension.

          La vastit del Dom la suggeriss

          che, in confront, tutt el rest el se spiattiss!

 

...A i m penser, ormai, gh'hoo faa la tara;

quant ai proposit... sont on poo in ritard!...

Gh'hoo di rimpiant, quell s; ma a 'sto riguard

me rassegni, e contenti almen la vista,

guardand el mond con l'anim d'on artista,

          che se anca a i s penser el fa la tara,

          on quaicoss, tutt'i d, ancam  l'impara.

 

Ma poeu, quella mattina, a !'improvvis,

hoo notaa... come fuss on cambiament.

...Gh'era p tanto scur: in quell moment

el soo l'era andaa a batt su on finestron,

e cent color, de tutt'i gradazion,

           fiorii, quella mattina, a !'improvvis,

           ciappaven on gran spicch,  in mezz al gris!

 

Come l'arcobalen dopo la pioeuva,

come on foeugh d'artifizi in piena nott,

l'accendes di color insc in d'on bott

l'haa illuminaa la gesa... e anca el cervell...

Me son ditt, tra de m: - Guarda che belI!

          EI par l'arcobalen dopo la pioeuva!

          ...E hoo senti, dent, come ona gioia noeuva.

 

EI soo... i color... Eccola l la vita!

Quader, stavov, affresch hinn trasformaa;

e i pilaster, te' l,  paren slongaa!

Che bei rob p f l'Omm, se propi el voeur

lass che i man sien comandaa dal coeur...

           s'el voeur intend el sens che gh'ha la vita...

           s'el riess a perd mai la strada dritta!

 

...Intanta el soo el cammina, e cont i ragg

el pizza  alter vedrad, in succession. ...

Tocchej de veder coloraa...! Illusion

che tanti list de piomb tegnen ligaa!...

 M guardi... e guardi... e resti l incantaa...

            e el soo el v adre a diping, cont i s ragg,

            continuand, pian pian, in del s viagg!

 

Dall'ombra al sole

 

Passavo accanto al Duomo, l'altra mattina,

ed ho pensato di entrare a dare un'occhiata.

Di fuori, un gran frastuono; ma nella navata

immensa, tra le colonne massicce, maestose,

chi parlava, parlava a bassa voce

      e, nell'andar su e gi, quella mattina,

      persino i miei passi avevano la sordina.

 

Io rimiravo i quadri, le sculture,

le lapidi, dalle parole che capisco poco...

Il latino io lo capisco...approssimativamente,

sicch non potevo avere la pretesa

di leggerlo proprio nell'ombra della chiesa,

      dove i quadri, le lapidi, le sculture,

      giocavano tutti a nascondino, nell'oscurit!

 

In quel buio che su in alto, pi intenso

e fa sembrare i contorni un po' annebbiati;

in alto, dove i pilastri sagomati,

eretti dai nostri maestri Campionesi,

si appoggiano sulle volte, per sostenerne il peso,

      proprio l, dove il buio pi intenso

a causa del fumo delle candele e dell'incenso.

 

La penombra del  Duomo suggerisce

i pensieri... i propositi... i rimpianti...

Certi fatti, che ci paiono importanti

quando si considerano solo con la Ragione,

cambiano, qui dentro, la forma e le dimensioni.

      La vastit del Duomo suggerisce

      che, al confronto, tutto il resto si appiattisce!

 

... Ai miei pensieri, ormai, sono abituato;

quanto ai propositi... sono un po' in ritardo!...

Ho dei rimpianti, quello s; ma a questo riguardo

mi rassegno, e sazio almeno la vista,

guardando il mondo con l'anima d'un artista,

      che se anche ai suoi pensieri abituato,

      qualche cosa, tutti i giorni, ancora impara.

 

Ma poi, quella mattina, all'improvviso,

ho notato... come ci fosse un cambiamento.

...Non c'era pi tanto buio: in quel momento

il sole batteva su di una vetrata,

e cento colori, di ogni gradazione,

      fioriti, quella mattina, all'improvviso,

      prendevano un gran risalto, in mezzo al grigio!

 

Come l'arcobaleno dopo la pioggia,

come un fuoco d'artificio in piena notte,

l'accendersi di colori cos all'improvviso

ha illuminato la chiesa... e anche la mente...

Ho detto, tra m: - Guarda che bello!

      Sembra l'arcobaleno dopo la pioggia!

      ... E ho sentito, dentro, come una gioia nuova.

  

Il sole... i colori... Eccola l la vita!

Quadri, statue, affreschi sono trasformati;

e i pilastri, eccoli, sembrano allungati!

Che belle cose pu fare l'Uomo, se proprio vuole

lasciare che le mani siano comandate dal cuore...

      se vuole intendere il senso che ha la vita...

      se riesce a non perder mai la strada dritta!

 

... Intanto il sole cammina, e con i raggi

accende altre vetrate, in successione...

Pezzetti di vetro colorati...! Illusioni...

che tante strisce di piombo tengono legate!...

Io guardo... e guardo... e rimango l incantato...

      e il sole continua a dipingere, con i suoi raggi,

      continuando, piano piano, nel suo viaggio!

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)