Mezzanott passada (Edoardo Gelatti)  

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Mezzanott passada

 

L' nott. La c, finalment, l' quietta.

Mia miee l' gi in lett; l' indormentada.

Cara la mia donnetta!

Semper in moto, tutta la giornada,

svelta ancam 'me quand l'era ona tosa!

 

Adess, la se riposa

e mi, invece, sont ch a la scrivania

per scriv quatter parol in poesia.

 

Parol che vegnen s, dirett, dal coeur...

parol che pensi e scrivi in miIanes...

Parlen de quand se nass, de quand se moeur;

del mond, che l' on paes...

del paes,che l' on mond...

 

Scolti el silenzi, e scrivi i m penser

che saran n profond,

ma che almen, se non alter, hinn sincer.

 ...Ona rima ben fada...

on vers ben riussii...

 

Me ven l'eco d'on pass su da la strada;

la pendola la sona: ...vun... duu... trii...

 

L' tard, La nott la tas, la torna quieta...

Decdet...! V a dorm, ciall  d'on poeta! 

 

Mezzanotte passata

 

notte. La casa, finalmente, tranquilla.

Mia moglie gi a letto; addormentata.

Cara la mia donnetta!

Sempre in movimento, tutta la giornata,

svelta ancora come quando era una ragazza!

 

Ora, si riposa

ed io, invece, sono qui alla scrivania

per scrivere quattro parole in poesia.

 

Parole che salgono direttamente dal cuore

parole che penso e scrivo in milanese

Parlano di quando si nasce, di quando si muore,

del mondo, che un paese

del paese che un mondo

 

Ascolto il silenzio, e scrivo i miei pensieri

che non saranno profondi,

ma che almeno, se non altro, sono sinceri.

Una rima ben fatta

Un verso ben riuscito

 

Dalla strada sale leco di  un passo;

la pendola suona uno.. due tre

 

tardi, la notte tace, torna quieta

Deciditi! Vai a dormire, sciocco dun poeta!

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)