La mort de l'erba (Alberto Giovannini)                       

 

Testo originale Traduzione  

 

La mort de l'erba

 

L' giugn. L'erba verda la moeur

piegandes sul praa,

al pass de la ranza molada

che tutta le taja.

 

Sul f de la ntt el paisan,

col crn e la cd 

el torna a c soa. Stta i stell

tutta l'erba l' mrta.

 

In de l'aria teveda e ferma

i prim lusiroeul

comparen, pizzand i ciaritt,

e vann a poggiass

 

sui fil senza vita in del praa.

Dai bus de la terra,

saltand, i gr scappen foeura

e canten la soa litania.

 

Dal ciel la rosada la piang

gotton de dolor

e i stell, sbarlusent, guarden mut

sta scena de sgn.

 

Doman stta el soo che le secca,

la forca e 'l restell

la smoeuven, la vlten, la giren

fin quand ven la sera.

 

Di dnn la farann s a monton,

e poeu, sora on carr,

portand el profum de la mrt,

'me i omen, la va... 

 

La morte dell'erba

 

giugno. Lerba verde muore

piegandosi sul prato,

al passare della falce affilata

che la taglia completamente..

 

Sul far della notte il contadino,

con il corno e la cote

torna a casa sua. Sotto le stelle

tutta lerba morta.

 

Nellaria tiepida e ferma

le prime lucciole

compaiono, accendendo i lumini,

e vanno ad appoggiarsi

 

sugli steli senza vita nel prato.

Dai buchi della terra,

saltando, i grilli escono

e cantano la loro litania.

 

Dal cielo la rugiada piange

goccioloni di dolore

e le stelle, lucenti, guardano mute

questa scena di sogno.

 

Domani sotto il sole che la secca,

la forca e il rastrello

la smuovono, la rivoltano, la girano

fino a quando cala la sera.

 

Le donne la raccoglieranno a mucchi,

e poi finir, sopra un carro,

portandosi dietro il profumo della morte,

come avviene per gli uomini

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)