Natal 1944 (Alberto Giovannini)      

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Natal 1944

 

O, el m car Ges Bambin
cossa mai t' vegnuu in ment
per vegn a nass su la terra
de scern sto brutt moment.

 

Te see n che semm in guerra,
che se viv in di torment,
che sta ben chi gh' sotterra
perch sent n ved p nient?

 

Tucc combatten, tucc se coppen;
fann a gara ad invent
arma noeuv per vegh el gust
de pudenn pussee mazz.

 

Gh' p nient, Ges, de giust;
rott i strad e rott i c,
rott i coeur pussee robust
che sann p a chi dagh a tr.

 

Chi se creppa di scaggett
che se ciappa in coo d'on d,
chi se moeur del despias
per tucc quij ch'emm vist mor,

 

e chiss quanti ghe n'
che famm, frecc, deven pat
e te preghen, per pias,
de tiraj la s con t.

 

De trov cossa te credet?
Al t asnin gh'hann faa la pell
e hann ciappaa fior de danee
in salamm e mortadell.

 

Vacch, l' vera, ghe n' assee,
ma de quej, che vann bellbell,
aspettand s i marciapee,
de and insemma a quest o a quell,

 

e la paja in de sti temp
a trovalla l' on dolor
e i Re Mag per pod fatt
el regal gh'hann on bell cor.

 

Gh' nissun che fa contratt
d'or e argent insemma a lor
perch sann che i poden sbatt
dent al scur, a San Vittor.

 

Quest l' el bell mond che gh' incoeu,
el m care bon Ges.
Te conven ref la strada;
scappa in pressa e torna s!

  

Natale 1944

 

Oh, il mio caro Ges Bambino

cosa mai ti passato per la testa

di venire a nascere sulla terra,

di scegliere questo brutto momento.

 

Non sai che siamo in guerra,

che si vive nel tormento,

che sta bene chi sta sotto terra

perch non sente ne vede pi niente.

 

Tutti che combattono, tutti che si ammazzano,

fanno a gara ad inventare

armi nuove per avere il gusto

di poterne ammazzare di pi.

 

Ges, non c pi niente di giusto;

rotte le strade e rotte le case,

rotti i cuori pi robusti

che non sanno pi a chi dar retta.

 

Qui si muore per gli spaventi

che si prendono di giorno.

qui si muore di dispiacere

per tutti quelli che abbiamo visto morire,

 

e chiss quanti ce ne sono

che devono patire fame e freddo

e ti pregano, per favore,

di prenderteli lass con Te.

 

Cosa credi di trovare?

Al tuo asinello hanno fatto la pelle

ed hanno preso fior di soldi

in salami e mortadelle.

 

Vacche, vero, ve ne sono a sufficienza,

ma di quelle che vanno bel bello,

aspettando sui marciapiedi,

per andare assieme a questo o a quello,

 

e la paglia in questo periodo

a trovarla son dolori

ed i Re Magi per poterti fare

il regalo hanno un bel da fare.

 

Non vi nessuno che fa contratti

doro e argento assieme a loro

perch sanno che li possono sbattere

dentro allo scuro, a San Vittore.

 

Questo il bel mondo che c oggi,

caro buon Ges.

Ti conviene ripetere la strada;

fuggi in fretta e ritorna su:

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)