Denanz al specc (Luigi Cazzetta) 

 

Testo originale Traduzione letterale

 

Denanz al specc

Se te gh'heet de vardamm o facciassa
ch denanz a travrs de stoo specc?
Cala i ari, fa minga el ganssa...
Chi sont m? Giovintt insc vcc?
Hinn i m cavej bianch? M de bon
quii duu oeucc pizziga stt i lent
che a trii pass veden gnanca on palon?
De ch l' quel mus guzz l dent?
quella man che se moeuv e quell cll
con la pell che la par de polln
de ch' hinn quii
d gamb on poo moll?

Citto, taas! Parla p per pias.
La tua vos la someja a la mia...
Se sont m dimel minga, perch
M son giovin!
Insc l' e insc el SIA!

ganssa               presuntuoso
pizziga              pizzicati(dalle rughe)
che se moeuv     mano malferma
polln                  tacchino

 

Davanti allo specchio

Che cos'hai da guardarmi o sfacciato,
qui dinnanzi attraverso lo specchio?
Cala le arie, non far il presuntuoso..
Chi sono io? Un giovanotto, cos vecchio?
Sono bianchi i miei capelli? Sono miei davvero
quei due occhi pizzicati sotto le lenti,
che a tre passi non vedono nemmeno un palo?
Di chi quel muso aguzzo l dentro?
Quella mano che si muove e quel collo
con la pelle che sembra di tacchino
di chi sono quelle
due gambe un po' molli?

Sss, taci! Non parlare pi per favore.
La tua voce somiglia alla mia...
Se sono io non dirmelo, perch
io sono giovane!
Cos e cos SIA!

Commento

La poesia dell'agosto 1954. Il poeta, qui quarantasettenne, era incanutito precocemente. La vista della propria immagine con i segni della maturit e della vecchiaia incipiente non certo incoraggiante, ma egli reagisce, e questo tipico di Cazzetta, con un moto giovanile dell'animo.

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)