D sberla d'on pap (Luigi Cazzetta)            

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

D sberla d'on pap

'

Mezzd... la voeunna... l'ora di cristian

de mttes a mangi, l'era sonada.

Fasevi cunt del temp de man in man:

la Mssa... on quaj amis... 'na passeggiada...

 

.. .'na pigna de minutt, ma minga assee

de quatt i or de quand te saret va.

E l' staa insc che han comenciaa i pensee

a tormentamm: la colpa l' no mia!

 

Guardavi l'orologg, quel brutt malnatt

che par che 'l corra apenna in quij moment

che 'l dovariss pond, e in del pensatt

correvi come l, in de la mia ment.

 

E te rivavet mai! La voeunna e ds,

la voeunna e vint... in pee a spettatt in strada.

La mezza la crodava anlee de ps

quand finalmente intant te see rivada.

 

Peccaa! Gh'era on belI So, l'era de festa...!

... Cont ona man mi t'hoo ciappaa in d'on brasc

e tutt el foeugh che gh'evi in la mia testa

te l'hoo traa in faccia... e sont restaa 'me on strasc!

 

D sbrla con quell'altra man dannada

e d paroll: Te serva de lezion!

'Na lagrima, poeu a t la t' passada,

ma tutt el d per m l' staa on magon.

 

D sbrla - man dannada - che hoo sentii

a rimbomb in de l'aria e in l'aria a corr;

d sbrla d'on pap che l'ha patii

el mal sul ben per t, per r e r!

 
Due sberle di un pap
 
Mezzogiorno... l'una... l'ora per i cristiani
di mettersi a tavola era suonata.
Consideravo il tempo che passava:
la Messa... qualche amico... una passeggiata...
 
... un sacco di minuti, ma non sufficienti
a compensare le ore di quando eri via.
Ed  stato cos che hanno cominciato i pensieri
a tormentarmi: la colpa non  mia!
 
Guardavo l'orologio, quel gaglioffo
che pare correre solo nei momenti
in cui dovrebbe rallentare, e nel pensarti
correvo come lui, nella mia mente.
 
E non arrivavi mai! La una e dieci,
la una e venti... in piedi ad attenderti per strada.
La mezza cadeva anch'essa pesantemente
quando finalmente intanto sei arrivata.
 
Peccato! C'era il sole, ed era giorno festivo...!
... Con una mano ti ho preso per un braccio
e tutto il fuoco che avevo nella testa
te l'ho gettato in faccia... e sono rimasto come uno straccio!
 
Due sberle con quell'altra mano dannata
e due parole:" Ti serva di lezione!".
Una lacrima, poi a te  passata,
ma tutto il giorno per me  stato un tormento.
 
Due sberle  mano dannata  che ho sentito
rimbombare nell'aria e nell'aria correre;
due sberle di un pap che ha sofferto
il male per il tuo bene, per ore e ore!

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)