Odor de pan (Luigi Cazzetta)                   

 

Testo originale Traduzione
 

Odor de pan

 

Quand passi a la mattina de bonora

denanz al prestinee che 'l sforna el pan

me fermi on momentin, tentaa de gora,

da quell odor ch' el ven incontra, san.

 

Se gh' pussee de bon de quell odor

che el manda on aliment insc a la man,

gustos e lavoraa, senza tant cor,

istess 'me se faseva ai temp lontan?

 

Farina de forment cont el levaa

ben impastada s con l'acqua pura

e, senza compliment, el pan l' faa.

 

Scarlighen sora el foeugh poeu, rosolaa,

trezzitt, baston, michett de pasta dura;

in fila vegnen foeura profumaa !

 

Se tiren ' dree quell' aria tevedina

che poeu la se spantega in de la strada.

E l la se confond con quella fina

che l'ha portaa la ntt su la giornada.

 

E allora el prestinee, din, don, dondina,

apna l'ha fenii la soa sfornada

el va coi s sciavatt pien de farina

a riposass, intant ch' el pan el fiada.

 

La prima gent in gir la gh'ha l' onor

de respir quel fiaa che el costa nient,

'me nient el costa quell del nst Signor.

 

L' gent che va a bottega e che ' drittura

la se forniss del pan per i s dent:

...trezzitt, baston, michett de pasta dura!

 

3.III.1958

 

Odore di pane

 

Quando passo la mattina di buon'ora

dinnanzi al fornaio che sforna il pane,

mi fermo un momentino subendo la tentazione della gola

per via di quell' odore che viene incontro, sano.

 

Cosa c' di migliore di quell odore

che manda un alimento cos alla mano,

gustoso e lavorato, senza tanto correre,

cos come si faceva ai tempi lontani?

 

Farina di frumento con il lievito,

bene impastata con l' acqua pura

e, senza complimenti, il pane fatto.

 

Scivolano via poi sopra il fuoco, rosolate,

treccine, bastoni, michette di pasta dura;

vengono fuori in fila, profumate.'

 

Si tirano dietro quell' aria tiepida

che si sparge poi nella strada.

E l si confonde con quella fine

che ha portato la notte sulla giornata.

 

E allora il fornaio, din - don, dondina,

appena ha finito la sua sfornata,

va con le ciabatte piene di farina

a riposarsi, mentre il pane fiata.

 

La prima gente in giro ha l' onore

di respirare quel fiato che non costa niente,

come niente costa quello di nostro Signore.

 

' gente che va a bottega e che, bene a ragione,

si rifornisce di pane per i suoi denti:

...treccette, bastoni, michette di pasta dura!

 

3.III.1958

Commento

 

Anche qui abbiamo sensazioni che provengono dalla realt e successive riflessioni conclusive: ciascuno cerca l'alimento, non soltanto materiale, adatto alle prove che gli opporr la vita e pertanto, anche dal fornaio, ciascuno sceglie ci che gli conviene: trezzitt, baston, michett de pasta dura.

 Abbiamo qui due sonetti coordinati.

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)