Roccol de vecc (Luigi Cazzetta)        

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

Roccol de vecc

 

D'inverna, quand fa frcc,

quajvun che 'I va lott lott

sui gamb pesant

chi drizz, chi traballent

arent ai mur.

 

Hinn vecc... se s...

se sponta on ragg de s,

se goden quell belI teved de on moment,

che 'I scappa via...

e lor tajen la corda,

sparissen come el vent.

 

E passen i mes dur;

se derven i giornad, se slonghen...

se scurta el scur

e in gir, semper pussee, quajvun in p.

Vun incoeu... vun doman...

e finalment: el roccol!

 

Roccol de vecc

intorna a 'na banchetta,

foeura del mond,

de quell che gh' in la strada.

 

Parlen de tutt

men che de bolletta.

Proeuva a vardaj,

proeuva a sentii,

poeu... tira foeura on spcc

(ch'el ved in l ona spanna)

e vardet on poo dent

e sent quell che el te dis.

Te vegnar de rid...

de ridegh sora

L' bell vedej...

l' bell anca sentij.

Cicciaren, scherzen,

quajvolta anca baccajen...

 

Noh!... Noh!..., tacchen p lit,

hann taccaa lit assee tutta la vitta

e s'hinn convint che hann faa

'me i magattj

che forchen, desfen

se ciappen per el coll,

legnad de orb

che volen in del voeuj,

poeu...

Sipari!

 

Possibil che bisogna vegn vecc

per rendes cunt

de questa conclusion?

Provee and on moment

l gi a vedj

in doe hinn lor;

provee a sentij

l' semper on pias;

facc content

e argoment legger, fresch

'me l'aria che la gira in del giardin

tra i piant e s per ari.

 

Coss'? Sclerttich!

Noh! Noh!... 'penna sapienza,

saggezza, che la sta de pari in pari

e la va dritta con l'anima di fioeu

che senten anm primma de capilla

doe l' la veritaa,

doe l' la vitta.

 

28.1.1981

 

Crocchio di vecchi

 

D'inverno, quando fa freddo,

qualcuno va passo passo

sulle gambe pesanti

chi dritto, chi dondolante,

rasente ai muri.

 

Sono dei vecchi... si sa...

se spunta un raggio di sole

Si godono quel bel tepore di un momento,

che scappa via...

e loro "tagliano la corda",

spariscono come il vento.

 

E passano i mesi duri

le giornate si aprono, si allungano...

si accorcia il buio

e in giro, sempre di pi, qualcuno in pi.

Uno oggi... uno domani...

e finalmente: il crocchio!

 

Crocchio di vecchi

attorno ad una panchina,

fuori dal mondo,

da quello che in strada.

 

Parlano di tutto

fuorch di ristrettezze.

Prova a guardarli;

prova a sentirli:

poi... tira fuori uno specchio

(che veda in l una spanna)

e guardati un po' dentro

e senti quello che ti dice.

ti verr da ridere... da riderci sopra.

bello vederli...

bello anche il sentirli.

Chiacchierano, scherzano,

talvolta anche sbraitano...

 

No!. .. No!... non litigano pi,

hanno litigato abbastanza tutta la vita

e si sono convinti che hanno fatto

come le marionette

che forcano, disfano,

si prendono per il collo,

legnate da orbi

che volano nel vuoto,

poi. . .

Sipario!

 

possibile che occorra diventare vecchi

per rendersi conto

di questa conclusione?

Provate ad andare un momento

laggi a vederli

dove stanno loro;

provate a sentirli

sempre un piacere;

facce contente

e argomenti leggeri, freschi

come l'aria che gira nel giardino

tra le piante e su in alto.

 

Cosa? Sclerotici!

No! No!... appena sapienza,

saggezza che sta da pari a pari

e va dritta con l'anima dei ragazzi

che sentono ancora, prima di capirla,

dov' la verit,

dov' la vtta.

 

28.1.1981

Commento

 E' la riflessione di un uomo anziano sui valori della vita, riflessione promossa da un contatto con altre persone anziane.

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)