Tram con la coccarda (Luigi Cazzetta)       

 

Testo originale Traduzione  

 

Tram con la coccarda

Cartell denanz, per n˛ desmentegass:
źProibii fÓ cicciarÓ el manovrador╗;
vesin, vesin apŔna de sfiorass
den-den...el va el bir˛cc, el va che 'l corr.

Attent, el giovin˛tt, a n˛ incantass,
el respirava el fiaa de quell s˛ amor
che el gh'eva a fianch. In quanto a n˛ parlass,
tasend se intendeven fra de lor.

La tˇsa cont i oggioni ad˛ss a l¨;
el tranvierin, ciappaa in del s˛ dover...
e intorna el s˛ profumm de giovent¨.

Duu fior, 'me ona coccarda, su on tramway
che rinfrescaven l'aria. E i passegger,
se ne vardaven ben de disturbai.

24.VIII.1960

 

Tram con la coccarda

Cartello dinnanzi, per non dimenticarsi:
źProibito far chiacchierare il manovratore╗;
vicino, vicino appena da sfiorarsi
den-den...va il barroccio, va di corsa.

Attento, il giovanotto, a non incantarsi,
respirava il fiato di quel suo amore
che aveva al fianco. In quanto al non parlarsi,
tacendo si intendevano fra di loro.

La ragazza con gli occhioni addosso a lui;
il piccolo tranviere compreso del suo dovere...
e intorno il loro profumo di giovent¨.

Due fiori, come una coccarda, su un tramvai
che rinfrescavano l'aria. E i passeggeri,
si guardavano bene dal disturbarli.

Commento

 "Quadretto" che ben si pu˛ chiamare nel suo significatoi originario "idillio". Alla fine degli anni Cinquanta circolavano ancora carrozze tranviarie nelle quali il manovratore non era separato mediante la cabina dai viaggiatori. I due innamorati sono tanto vicini da sfiorarsi (il che non sembra proibito) ma non si parlano, ossequienti al dettame del cartello.

Invia i t˛ penser, i t˛ emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)