El Ronchett di rann (Luigi Medici)                                

 

Testo originale Traduzione

 

El Ronchtt di rann

 

Vah! se slonga l' ombria!... L' l'ora bnna.

La donda la barchtta del traghtt,

la campanella del gesin la snna...

l' l'ora bnna de sta chi al Ronchtt.

 

Ch la vggia legria la s' scrusciada

in la cusinna del Ronchett di rann

dove gira anm el sped su la fiammada

l'ultima frsi di passion nostrann.

 

Ch lontan da la pressa e da la truscia

se sent anm ona gorga de bon pes,

se gd col frsch, el pestonin che buscia,

e i bcc che cr in l'ombra de la sces...

 

......................

 

(d de festa)

 

.......................

 

Ona barchtta bianca, affusolada

la fila via con tant de bandrina;

trii canottier pedinen la sartina

coi rmm in acqua e 'l coeur sora la strada;

 

slisen stta el volton de la ferrada

tra i spond bei verd in d'on ciaror de brina,

gden el sol e l'aria remondina,

beven la vita e i r de la giomada.

 

Dai lavoreri, dai fusinn, di offizzi,

dove se invggia per sbarc el lunari

prten in faccia come on giald de vizzi;

 

ma in la lancia che cr, che la va gi

su l'acqua, in l'aria che gh'ha minga orari,

senten la vita che riviv anrn.

 

Commento

Il poeta ricorda il "luogo di delizie" in fondo all'alzaia del Naviglio Grande che appunto el Ronchett di Rann, la vecchia Osteria alla cui tavola "non s'invecchia", dice lui nel suo libro Vecchie Osterie milanesi.

In questa osteria, all'aperto, mentre si attende di poter mangiare, si pu fare anche una partitina a bocce, ma al richiamo della cena pronta, tutto viene riposto, si va a tavola e, (scrive ancora il Medici) quando le stelle brillano in cielo la barca del traghetto ha compiuto l'ultimo viaggio e si rientra nella citt addormentata.

 

"stracch e sporch tucc attacch, bcc e ballin,

come on bll rosc de pui al fenil...

e se insgnen di gioeugh de la giornada

di bei corsett, di rgol, di basin,

e di parabol grev de la boggiada."

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)