Dal m poggioeu (Marcello Restelli) 

 

Testo originale Traduzione letterale

Dal m poggioeu

 

Prima che i oeucc sconfinen su i campagn

rivedi la mia miee che la stend i pagn,

vedi el m gatt ch'el fa l'equilibrista

sul bord de la ringhera 'me on artista.

 

Se alzi el coo e guardi on poo lontan

vedi praa, rt e riser in mezz ai bej campagn;

sari-s i oeucc e subit me torna in ment

quand 'sti campagn eren pien de gent.

 

Rivedi i paisan cont'l fer de praa

che tajen l'erba con fadiga, tucc sudaa,

dnn e fioeu cont el baston vlten el fen,

asen e boeu tiren ltt-ltt i car strapien.

 

I mondin in di riser con la s'cenna piegada,

cont i pee moeujaa e la scca bagnada,

cantaven i s canzon cont allegria

per casci via stracchezza e malinconia.

 

Capell de paja e al coll ligaa on pantt,

men e dnn tajaven el forment cont el folcett,

a fin estaa cattaven el melgon, semper a man,

portaven foeura i loeuv cont i cavagn.

 

Quanto hann fadigaa 'sti pover gent,

pur anca stracch-mazzaa eren content,

e la sera dpo on piatt de minestron

gh'aveven anm la forza de cant i s bej canzon.

 

Incoeu in d campagn gh' quasi p de gent,

per taj erba, melgon, ris e forment,

insemma a on grand frecass e on gran odor,

se f tuttscoss con chi moster de trattor.

Dal mio balcone

 

Prima che gli occhi sconfinino sulle campagne

rivedo mia moglie che stende i panni,

vedo il mio gatto che fa lequilibrista

sul bordo della ringhiera come un artista.

 

Se alzo la testa e guardo un po lontano

vedo prati, orti e risaie in mezzo alle belle campagne;

chiudo gli occhi e subito mi torna alla mente

quando queste campagne erano piene di gente.

 

Rivedo i contadini con gli arnesi da campagna

che tagliano lerba con fatica, tutti sudati,

donne e ragazzi con il bastone voltano il fieno,

asini e buoi tirano lenti i carri strapieni.

 

Le mondine nelle risaie con la schiena piegata,

con i piedi a bagno e la sottana bagnata,

cantavano le loro canzoni con allegria

per scacciare stanchezza e malinconia.

 

Cappello di paglia e al collo legato un fazzoletto,

uomini e donne tagliavano il frumento con il falcetto,

a fine estate coglievano il granturco, sempre a mano,

raccoglievano le spighe con le ceste.

 

Quanto hanno faticato queste povere genti,

ed anche se stanchi morti erano contenti,

e la sera dopo un piatto di minestrone

avevano ancora la forza di cantare le loro belle canzoni.

 

Oggi nelle campagne non c quasi pi nessuno,

per tagliare erba, grano, riso e frumento,

assieme a un gran fracasso e a un gran puzzo,

si fa tutto con quei mostri di trattori.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)