Anca d˛po... (Marco Candiani)                            

 

Testo originale Traduzione

Anca d˛po...

 

Te tegnaroo per man come ona v˛lta

i primm passitt

la prima bicicletta

i primm dover bagnaa de lacrimoni

che mý sugavi-s¨ cont on bombon.

Te tegnaroo per man

per schivÓ tucc i cros

che la vita purtr˛pp

la somena sui strad

che gh'emm de fÓ per f˛rza.

Saroo dedree d'on fior

saroo, magari,

in d'ona gotta d'acqua

per rinfrescÓ i t˛ laber moresitt.

E vegnaroo de n˛tt

sui filidur de luna

per on basin legger

e ona carezza...

Te ghe daree la colpa a ona ragnera

                  volada dal plafon.

Anche dopo...

 

Ti terr˛ per mano come una volta

i primi passettini

la prima bicicletta

i primi compiti bagnati di lacrimoni

che io asciugavo con un dolcetto.

Ti terr˛ per mano

per evitare tutte le croci

che la vita purtroppo

semina sulle strade

che dobbiamo per forza percorrere.

Sar˛ dietro un fiore

sar˛, magari,

in una goccia d'acqua

per rinfrescare le tue labbra morbide.

E verr˛ di notte

su fili di luna

per un leggero bacio

e una carezza...

Incolperai una ragnatela

                         caduta dal soffltto

Commento

 

Invia i t˛ penser, i t˛ emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)