Des de giugn 1940 (Marco Candiani)       

 

Testo originale Traduzione  

 

Des de giugn 1940

 

Ona sera de giugn...

     on sorbett sul sagraa:

me l'ha 'penna compraa

on soldaa cont i fass.

Sora i scss di poggioeu

gh' bandiroeul de carta tricolor

     ...e se sent ona vos

che la trna promess,

     illusion scalmanaa.

E m pader, coi fass,

col fotton ch'el gh'ha in crp

ross in faccia el ranggna...

     manca pcch ch'el bettega

 ...poeu 'l me tira visin...

el me string pussee frt.

Mi, capissi on poo pcch

ma on quajcss s' s'ceppaa...

Dessoravia, stracch,

on tricolor de carta el borIa gi.

Ona sera de giugn,

... sul sagraa pien de gent

'na boffada de vent

l'ha streppaa di m man

el m serc faa de legn,

on penin con trii bus

     ...e on sorbett

che on soldaa cont i fass

l'ha faa in temp a compramm.

 

10 Giugno 1940  (traduzione dell'Autore)

 

Una sera di giugno...
     un gelato sul sagrato:
me l'ha donato
un soldato con le fasce.
Sopra i davanzali dei balconi
ci sono bandierine di carta tricolore
     e... si sente una voce
che tuona promesse,
     illusioni scalmanate.
E mio padre, con le fasce,
con la rabbia nel corpo,
rosso in viso borbotta,
     manca poco che balbetti...
poi mi porta vicino...
mi stringe pi forte.
lo capisco un p poco,
ma qualcosa si rotto...
Sopra, stanco,
un tricolore di carta cade.
Una sera di giugno
...sul sagrato pieno di gente,
una folata di vento
mi ha strappato dalle mani
il mio cerchio di legno,
un pennino con tre buchi
     ...e un gelato
che un soldato con le fasce
ha fatto in tempo a comprarmi.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)