November 1948 (Marco Candiani)      

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

November 1948


Calava on quart ai vtt
e in via Savna,
sconduda in de la nebbia
d'on luned mattina,
November el nasseva
strusand i finestroni e i muradej.
Rivaven col pan pss e la schiscetta
faa-su dent on giornal,
rivaven cont i crepp
ch'el fiaa boffaa in del veder
el scopellava su quij facc trpp seri.
Gh'aveven el sospett
che n dom in November,
ma tutt l'ann, la nebbia e la carisna
quattaven gi, l in fond, prima di praa,
la fabrica del veder.
Pociacch, terra battuda
e ciuff de pajocchin...
De ch, quell di castegn...
de l, ligaa al palon,
tr   quatter biciclett
denanz al bettolin
col slit resegusc
mes' ciaa coi mocc per terra.
"...ciao ti... ciao m, ciao tucc..."
Parlaven de la paga, de balon
e in di pociacch negaven i schedinn
strasciaa dpo un'oggiada a la Gazzetta.
Vosava la sirenna di vtt or.
Nasseva on alter d de tir-l.
Quell di castegn a rst
'me on'ombra el pedalava
e on tren el ziffolava
sul pont de San Cristfen.
 

Novembre 1948

 

Mancava un quarto alle otto

e in via Savona,

nascosta nella nebbia

di un luned mattina,

Novembre nasceva

rasentando i finestroni e i muretti.

Giungevano con il pane raffermo e il portavivande

avvolti in un giornale;

arnvavano con le rughe

che il respiro soffiato nel vetro

scalpellava sopra quelle facce troppo serie.

Avevano il sospetto

che non soltanto in novembre,

ma tutto l'anno, la nebbia e la caligine

ricoprivano, in fondo, prima dei prati,

la fabbrica del vetro.

Pozzanghere, terra battuta

e ciuffi di paiocchino...

Di qua, quello delle castagne...

di l, legate al palo,

tre o quattro biciclette

dinanzi al bettolino

con la consueta segatura mischiata

ai mozziconi a terra.

"...ciao a te... ciao a me... ciao a tutti..."

Parlavano della paga, di pallone

e nelle pozzanghere annegavano le schedine

strappate dopo un'occhiata alla Gazzetta.

Urlava la sirena delle otto.

Nasceva un altro giorno da tirare innanzi.

Quello delle castagne arrosto

pedalava come un 'ombra

e un treno zufolava

sul ponte di San Cristoforo.

Commento

 

Invia i t penser, i t emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)