I fioeu (Emilio Montorfano)    

 

Testo originale Traduzione letterale 

 

I fioeu (1994)

Semper hoo pensaa: i fioeu, che r˛ba granda
el vedei nass, parlÓ e poeu cress visin,
el viv in lor la vita n˛stra andada,
patý, penÓ per dervigh ona strada
pussee facil de quella ch'emm faa nun,
e poeu vedei scappÓ foeura de casa
e portass adree on t˛cch del n˛ster coeur.
Gh'hann tanta voeuia de viv, tanta de corr
e a nun me lassen lÓ la nostalgia del temp
che se podeven tegný in brascia
per dagh carezz, basin e per ninnai.
Poeu ven el temp che 'l par de tornÓ indree
quand. per impiený el voeui che t'hann lassaa,
te porten finalment on nevodin
on alter fior vegnuu de la toa pianta,
ch'el se p˛da ancam˛ tegný in di brasc
per dagh carezz, basitt e per ninnal

 

I figli

Sempre ho pensato: i figli che cosa grande
il vederli nascere, parlare e poi crescerti accanto,
il rivivere in loro la nostra vita andata
patire. penare per aprire loro una strada
pi¨ facile di quella che abbiamo percorso noi
e poi vederli scappare fuori di casa
e portarsi via un pezzo del nostro cuore.
Hanno tanta voglia di vivere, tanta di correre
e a noi lasciano la nostalgia
di quando si potevano tenere in braccio
per dare loro carezze, baci e per cullarli.
Poi viene il tempo in cui sembra di tornare indietro
quando, per riempire il vuoto che ti hanno lasciato.
ti portano finalmente un nipotino
un altro fiore nato dalla tua pianta,
che si possa ancora tenere in braccio
per dargli carezze, baci e per cullarlo.

Commento

 

Invia i t˛ penser, i t˛ emozion (anca in italian o ne la lengua che te par)